Caleb Hayes di 7 anni Vuole Essere Il Batterista Degli Slipknot

Sia che tu l’abbia visto a uno dei suoi video virali, è innegabile che Caleb Hayes, sette anni, canalizzi un potere alla John Bonham dietro il suo kit. La sua inclinazione per l’heavy metal probabilmente derivava dal vedere i suoi genitori suonare in una cover band locale, dove ricreavano i successi degli AC/DC, dei Led Zep e dei Metallica nella loro nativa Cumbria, in Inghilterra.

Come ricorda sua madre Kim, era solo un bambino quando ha mostrato segni di voler suonare la batteria, proprio come suo padre batterista. “Caleb avrebbe avuto due anni quando ha iniziato a venire a vederci durante le prove, ma aveva già iniziato a giocare con le matite e tutto ciò che poteva usare come bacchette in casa intorno ai 15 mesi”, dice. “In quel momento abbiamo capito che aveva un vivo interesse nel fare un sacco di rumore, ahah!” I genitori di Caleb sapevano che dovevano procurargli una batteria dopo che lui tirava costantemente via i cuscini del divano per usarli come tamburi improvvisati. Gli hanno comprato il suo set per il suo terzo compleanno.

Considerando Joey Jordison, Will Hunt, Dave Grohl e Taylor Hawkins come influenze “precoci”, Caleb dice di ricordare che un video di Joey Jordison ha acceso il suo desiderio di suonare. “Ricordo di aver visto un video di Joey Jordison, stava facendo un assolo di batteria, penso che fosse quello in cui girava… era così bello che il cervello quasi è scoppiato!” Me lo dice Caleb. Ora contando Jordison come amico, dice di essersi ispirato anche a Jay Weinberg degli Slipknot (“Adoro Jay, è semplicemente fantastico e così carino!”), Neil Peart dei Rush, Eloy Casagrande dei Sepultra, Ray Luzier dei Korn, Will Hunt e Alex Bent dei Trivium. E, naturalmente, Tommy Lee. “È pazzo, ha le montagne russe del tamburo! Hahaha!” Caleb dice di Lee, con riverenza.

I genitori di Caleb hanno sempre incoraggiato il suo modo di suonare, anche nelle prime ore del mattino. “Quando ero piccolo guardavo mia mamma e mio papà durante l’allenamento della loro band, volevo saltare sulla batteria e suonare, mi permettevano di guardarli e poi suonare alla fine”, ricorda Caleb. “Mi hanno sempre lasciato fare un sacco di rumore con i miei tamburi in casa, anche alle 6:00 del mattino, ahah!” Dice che suonare la batteria gli dà “buone vibrazioni”, ed è ovvio guardando quanto lo ami. “Mi sento così felice ed eccitato, il mio cuore va boom-boom-boom a volte”, dice.

Per gli altri bambini che sperano di prendere in mano un nuovo strumento musicale, Caleb ha qualche consiglio: “Direi… fai del tuo meglio, fai del tuo meglio e sforzati. Oh, e non mollare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.