Più brillante del sole. Avventure nella fantasonica – Kodwo Eshun

Capolavoro dell’afrofuturismo, “Più brillante del sole” è tra le opere più originali emerse da quella composita galassia che, nell’Inghilterra di fine Novecento, mescolò estetiche radicali, riflessione filosofica e sensibilità rave. Uscito originariamente nel 1998 e mai tradotto prima in italiano, il classico di Kodwo Eshun resta un tentativo tuttora senza eredi di convergenza tra storia della musica nera, fantascienza e theory fiction: prendendo spunto dai suoni della techno, del jazz, del dub e dell’hip hop, “Più brillante del sole” non si limita alla mera critica musicale, ma si erge a manifesto di un’era prossima ventura in cui i concetti di razza, autenticità e appartenenza deflagrano in miriadi di frammenti piovuti dal futuro. Sun Ra e Alice Coltrane, Lee Perry e i Public Enemy, Drexciya e Underground Resistance diventano così divinità di un pantheon postumano al contempo terrificante e liberatorio, in un’odissea utopico-distopica tra i più reconditi meandri dell’immaginario nato dalla diaspora africana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.