“I Grandi del Jazz”-Jack Teagarden

Primo appuntamento con i grandi Del JAZZ

“ Jack Teagardenera uno di quei rari musicisti jazz che sembra essere emerso nel mondo intero, così completamente adattato al suo strumento che a volte sembrava che lui e il trombone fossero stati inventati contemporaneamente e fossero cresciuti insieme. Così scriveva Leonard E. Guttridge nel suo racconto che accompagnava la compilationGiants of Jazz: Jack Teagarden. In effetti, per coloro che hanno familiarità con Tea-garden e i suoi seguaci, suonare il trombone senza la sua tecnica, fluidità di idee, guida, suono robusto e una sensazione blues radicata sembra arcaico. Accreditato all’unanimità – insieme a Jimmy Harrison e Miff Mole -da colleghi musicisti e critici con l’invenzione dell’idioma jazz del trombone, Teagarden ha trasformato lo strumento dalle sue radici ” tailgate ” di New Orleans al suo stato attuale di elettrizzante strumento solista. Non sorprende che molti considerino modelli per generazioni di jazzisti la tromba di Louis Armstrong, il sax tenore di Coleman Hawkins, il pianoforte di Earl Hines e il trombone di Jack Teagarden .

Due storie ampiamente diffuse illustrano l’alta considerazione in cui era tenuto Teagarden. I trombonisti Tommy Dorsey e Glenn Miller sono stati tra i leader di maggior successo degli anni della big band dell’era Swing , ciascuno un musicista dotato. Era noto che Dorsey si intrufolava in modo anonimo nei club in cui suonavano i Teagarden per immergersi nei suoni pieni di sentimento di ” Big T ” . In un’occasione, quando i due registrarono insieme come membri di una band jazz all-star, Dorsey insistette: ” Let Jack suona il jazz. Per quanto riguarda Miller, che nel 1928 stava lottando strenuamente per suonare come il pioniere del trombonista jazz Mole in Ben Pollack ‘s band, quando Teagarden ha provato con Pollack, Miller è uscito come trombonista, rimanendo come arrangiatore principale per il gruppo. Jack Teagarden – il trombonista ha cambiato il suo nome di battesimo da Weldon Leo a Jack quando è diventato un musicista professionista – è cresciuto circondato dalla musica, a Vernon, in Texas , a 12 miglia dal confine tra Texas e Oklahoma . Sebbene affermasse spesso che suo padre aveva un orecchio ” di latta ” , Teagarden ei suoi fratelli apparentemente ereditarono i doni musicali della madre . Dotato di un tono assoluto , Jack è diventato uno dei quattro figli di Teagarden a stabilire carriere sostanziali nel campo del jazz. Il più giovane, Clois “ Cub ” Teagarden, si è esibito alla batteria. Il fratello Charlie, Jr., divenne ” Piccola T,” un eccellente trombettista, apparendo e registrando con Jack professionalmente a molti livelli. Suor Norma era una pianista che ha anche suonato professionalmente con i suoi fratelli e da sola fino agli anni ’80. 

Nato Weldon Leo Teagarden, il 20 agosto 1905 a Vernon, TX; cambiato il nome in Jack c. 1920; morì di apparente insufficienza cardiaca, il 15 gennaio 1964, a New Orleans , LA; figlio di Charles (un ingegnere stazionario e cometista dilettante) e Helen Ceingar (insegnante di pianoforte e accompagnatrice di film muti) Teagarden; sposato Ora Binyon, 1924 (divorziato, 1930); sposò Chiara Manzi, c. 1930 (divorziato, 1933); sposò la quarta moglie, Adeline Barriere (il suo tour manager), c. 1942; bambini: (con Binyon) Gilbert, Jack Jr.; (con Barriere) Joey (figlio). Ha iniziato a suonare il corno baritono c. 1910 e trombone c. 1913; ha lavorato come proiezionista di film, San Angelo, TX, 1920; divenne trombonista professionista, 1920; si unì alla band di Peck Kelley; ha lavorato come giacimento petrolifero ” ruvido ” , 1923; suonò con i Jazz Bandits e i Southern Trumpeters di Doc Ross , 1924; divenne cantante professionista c. 1924; ha realizzato numerose trasmissioni radiofoniche; si unì alla rinnovata band Kelley; ha suonato con Ranger Ross e i suoi Cowboys; si unì alle sirene di Scranton, 1927; si unì all’orchestra di Ben Pollack, 1928; fece oltre 300 registrazioni, 1928-33; ha suonato con l’orchestra Paul Whiteman , 1933-38; big band principale, 1939-46; led piccolo combo, 1946; si unì a Louis Armstrong All Stars nel 1947 e fece un tour in Europa, 1948; guidato piccoli gruppi, 1951-1964; ha partecipato al tour del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in Asia ed Estremo Oriente, 1958. È apparso in 39 film (alcuni cortometraggi). Valvola per trombone brevettata.

Premi: vincitore del sondaggio sul trombone metronomo , 1939; Premio Esquire Gold, 1943; Premi di trombone di Playboy , 1957-58, 1960.

ricordato in The Mississippi Rag, “ Avevamo un pianoforte , se non avessimo un fornello. ” Teagarden ha iniziato a suonare un corno baritono, uno strumento valvolato nella gamma del trombone, quando aveva circa cinque anni, passando al suo amato trombone, ricevuto come regalo di Natale , alle otto. Si è parlato molto del fatto che alcune delle stupefacenti tecniche di Teagarden fossero dovute alla mancata corrispondenza tra il bambino dalle braccia corte e il suo esigente strumento a scorrimento, di cui diverse “ posizioni ” richiedono una portata estesa. Abituato al baritono e benedetto con il suo grande controllo dell’orecchio e delle labbra, o imboccatura, Teagarden ha semplicemente imparato ad adattare le quattro posizioni di scorrimento più vicine a tutte le sfumature musicali disponibili per ottenere le note desiderate. L’ autoapprendimento di Teagarden sul lavoro non ortodosso di diapositive è simile a quello diBix Beiderbecke , le cui diteggiature alternate ” inventate ” hanno creato un suono diverso e molto imitato per la sua cornetta. Allo stesso modo, i virtuosi del trombone degli ultimi giorni, come Lawrence Brown e Urbie Green, utilizzano il metodo di Teagarden come una cosa ovvia, conferendo al loro modo di suonare una grande fluidità. Quando il padre di Teagarden morì, nel 1918, la famiglia si trasferì a Oklahoma City , poi a Chappell, nel Nebraska , e poi di nuovo a Oklahoma City . Sebbene in difficoltà finanziarie, i Teagarden hanno sempre fatto musica, con la madre che ha aperto la strada dando lezioni e accompagnando film muti al piano, a volte in duetto con Jack, che stava sviluppando in modo indipendente le sue abilità al trombone. Anche i concerti delle bande locali e la musica sacra hanno fornito influenze musicali, così come altri due elementi: spirituali negri e canti degli indiani d’America. Teagarden ha assorbito e imitato i suoni distintivi di queste espressioni etniche, rivelando in un’intervista del 1958: “[Io] solo prendere il mio clacson e suonarlo dove non potresti dire la differenza …. Non so come sia stato così naturale A causa della sua affinità per la musica indigena, del suo legame con l’Oklahoma, e soprattutto del suo bell’aspetto oscuro e degli zigomi alti, Teagarden era ampiamente considerato almeno in parte nativo americano. I suoi genitori, tuttavia, erano entrambi di origine tedesca. Qualcos’altro che è venuto ” naturale ” a Teagarden era l’abilità meccanica. Per tutta la vita ha armeggiato con macchine e strumenti musicali , a un certo punto brevettando uno spiedo per trombone.

 Teagarden ha lavorato come proiezionista nel 1920 a San Angelo, in Texas, diventando contemporaneamente un musicista professionista entrando a far parte di una band di quattro elementi. La sua reputazione crebbe e nel giro di un anno si unì alla band del leggendario pianista Peck Kelley, suonando principalmente nell’area di Galveston-Houston- San Antonio . Nel suo primo anno e mezzo con Kelley, Teagarden ha assorbito l’idioma blues, cercando buoni musicisti neri ovunque potesse. Ha incontrato il trombettista Louis Armstrong e ha ascoltato la cantante Bessie Smithin archivio e di persona. Anche in questo periodo, aiutato dalla sua predisposizione meccanica, sviluppò una tecnica che gli servì per tutta la sua carriera: il trombonista imparò a togliere la campana dal suo corno e a suonare in un bicchiere d’acqua (o boccale di birra) tenuto in mano, ottenendo così il effetto di un suono vocale un po ‘sepolto e smorzato che si è rivelato particolarmente efficace sul blues e sulle ballate. Poi, nel 1923, Teagarden lasciò temporaneamente la musica per guadagnare soldi come un giacimento di petrolio . “

Incapace di stare lontano a lungo, tuttavia, Teagarden tornò subito dopo, passando rapidamente dai Jazz Bandits di Doc Ross ai Southern Trumpeters nel 1924, quando iniziò a mostrare un altro aspetto del suo talento : il canto. Le trasmissioni radiofoniche hanno contribuito a diffondere la sua fama quando è apparso a Città del Messico pubblicizzato come ” La più grande meraviglia del trombone del sud ” . Seguirono brevi turni con una varietà di band del territorio prima che si unisse per un po ‘ a una nuova band di Kelley, quindi si ricollegava con la band di Ross – ribattezzata Ranger Ross and His Cowboys -con il quale ha maturato una certa esperienza di arrangiamento. Fu con questo gruppo di Ross che Teagarden andò a New York City nel 1927. Purtroppo, all’arrivo a New York , nessun lavoro attendeva la band. Sposato nell’aprile del 1924 con Ora Binyon e che aveva bisogno di un concerto, Teagarden prese piede con le Scranton Sirens, suonando poi come band di soccorso al famoso Roseland Ballroom, di fronte al grande gruppo di Fletcher Henderson . Il trombone jazz in quella band era presidiato da Jimmy Harrison. Harrison e Teagarden si mescolavano facilmente; Big T sedeva spesso con la band di Henderson , sorprendendo i giocatori con le sue abilità. Da quel momento, le jam session di Harlem sono diventate parte del programma accelerato di Teagarden. L’asso del tenore Coleman Hawkins una volta ha osservato, come ricordato da Guttridge, ” Potresti ‘Tieni Jack fuori da Harlem. Ha organizzato ogni festa in affitto. Non deve aver mai dormito, suonando il corno notte e giorno. “

In diverse occasioni il modesto e schivo Tea-garden si è fatto strada in band migliori su consiglio di colleghi musicisti. In Jack Teagarden ‘s Music, Howard J. Waters, Jr., ha raccontato come Teagarden abbia ottenuto il suo primo grande lavoro a New York : dopo aver suonato un difficile arrangiamento scritto per il trombonista Miff Mole e aver superato quel maestro di corno in carica, è stato assunto a giugno di 1928 dalla fortissima orchestra Ben Pollack, che comprendeva anche il futuro bandleader e clarinettista di ” King of Swing ” Benny Goodman . Teagarden ha registrato circa 300 titoli durante i successivi cinque anni, di solito con una varietà di Pollack ‘s sidemen. Il tempo in studio era intrecciato tra le esibizioni regolari di Teagarden , principalmente con Pollack, nelle sale da ballo, negli hotel, nelle trasmissioni radiofoniche e nella buca dell’orchestra per spettacoli di Broadway come Top Speed, Hello, Daddy e Everybody ‘s Welcome – in più, ovviamente, le continue jam session. Sebbene fosse forse meglio conosciuto per la sua abilità nel trombone, molti considerano Teagarden uno dei migliori cantanti jazz : la sua voce è un’estensione naturale del suo corno. In The Swing Era, Gunther Schuller azzardò: ” Teagarden era… un cantante straordinario e del tutto unico, senza dubbio il migliore e l’unico vero cantante jazz accanto a Billie Holiday , Cab Calloway e Louis Armstrong. In un disco , Makin Friends del 1928, Teagarden ha aperto nuovi orizzonti, con il chitarrista Eddie Condon, quando ha inciso la sua prima voce e il primo uso registrato della sua sordina a bicchiere d’acqua. Questa ondata di attività lasciava poco tempo alla vita familiare; combinato con il crescente consumo di alcol di Teagarden , il suo maniaco del lavoro virtuale portò alla separazione, quindi al divorzio, dalla prima delle sue quattro mogli, nel 1930. Sebbene il suo status professionale aumentasse vertiginosamente, la vita personale di Teagarden raramente raggiungeva un certo grado di stabilità. Dimostrò di non essere esperto in materia di affari, diventando noto come il classico ” soft touch ” per prestiti e regali non rimborsati. Clare Manzi divenne la seconda moglie del trombonista-cantante subito dopo il suo divorzio, matrimonio che durò fino al 1933, poco prima che Teagarden facesse la sua prossima grande mossa di carriera, firmando per un periodo di cinque anni con Paul Whiteman .

Il peggioramento della depressione non ha rallentato il ritmo di Whiteman, né quello di Teagarden . Il pianista Whiteman Roy Bargy ha detto a Guttridge: ” Ricordo un periodo di due settimane in cui Whiteman suonò due sessioni al Biltmore, sei spettacoli al giorno al Capitol Theatre, e in due di questi giorni fece prove mattutine e tra gli spettacoli per una trasmissione di Chesterfield . ” I primi anni di Whiteman di Teagarden hanno caratterizzato il trombonista sia in assoli dal vivo che registrati, ma, con l’intensificarsi della competizione per i dollari dell’intrattenimento, il tipo di jazz di Whiteman è passato in secondo piano rispetto ai concerti e al ” serio “musica. Tuttavia, c’erano sempre tournée, balli, trasmissioni e spettacoli teatrali. Sempre più spesso, però, la gratificazione musicale di Teagarden veniva da registrazioni e apparizioni free-lance, molte con suo fratello Charlie e il sassofonista Frankie Trumbauer — “ The Three Ts. Quando il suo contratto con Whiteman è scaduto nel dicembre del 1938, Teagarden, avido delle grandi band swing guidate da Miller, Goodman, dal batterista Gene Krupa e dal trombettista Bunny Berigan, ha lanciato la sua carriera come leader. Dal 1939 al 1946 Teagarden ha lottato con questa missione, almeno una volta assicurandosi l’aiuto finanziario del vecchio amico cantante Bing Crosby. Durante i primi anni della guerra Jack sposò la sua quarta moglie, Adeline Barriere, che divenne la migliore road manager che avesse mai avuto. Tuttavia, in sorprendente somiglianza con Berigan, il trombonista non era attrezzato per gestire la parte commerciale della leadership. In effetti, i parallelismi tra le carriere di Teagarden e Berigan sono innumerevoli: gestione senza scrupoli, bancarotta, promozione inetta, collaboratori non pagati, disguidi di programma, dilemmi del personale in tempo di guerra, alcolismo, difficoltà coniugali e crescenti problemi di salute. Teagarden dovette anche affrontare la fine del dopoguerra della big band, dei cantanti e dei piccoli gruppi strumentali che sottraevano la maggior parte dell’attenzione. Quando alla fine sciolse il suo gruppo nel 1946, il trombonista formò un piccolo gruppo che includeva suo fratello Charlie. Questo gruppo registrò un successo commerciale limitato, ma nel maggio del 1947, La carriera di entrambi i maestri era stata in eclissi, attribuibile a molti fattori, non ultimo l’avvento del bebop. Mentre lavorava con un certo successo al Famous Door, Teagarden è stato arruolato da Armstrong per un concerto al municipio di Manhattan . La risposta a questo showcase e alle registrazioni successive è stata così grande che Louis ha formato i suoi All Stars per un debutto ad agosto da Billy Berg ‘s , a Hollywood . Il gruppo era composto da Armstrong, Teagarden, il clarinettista Barney Bigard, il pianista Dick Cary, il batterista Big Sid Catlett e il bassista Morty Corb.

Prima che l’ensemble partisse, nel febbraio del 1948, per un tour in Europa, Earl Hines rilevò la panca del pianoforte, risultando nella residenza di tre strumentisti seminali nella stessa band; anche di fronte alla rivoluzione del bebop, questo gruppo ha suscitato entusiasmo in tutto il mondo. Sia Teagarden che Hines, tuttavia, si stancarono del repertorio ripetitivo del gruppo e se ne andarono dopo circa quattro anni. A partire dal settembre del 1951, Teagarden formò un piccolo gruppo in California che includeva ancora ” Little T ” , insieme al batterista Ray Bauduc. Sorella Norma in seguito si unì al gruppo e, con molteplici variazioni di personale, Jack guidò questo gruppo fino alla sua morte. Quest’ultimo si sarebbe rivelato il periodo più tranquillo della carriera e della vita personale di Teagarden . Dopo una separazione, lui e sua moglie Addie si sono riuniti e nel 1952 è nato un terzo figlio, Joey. (Teagarden e la sua prima moglie avevano due figli, Gilbert e Jack, Jr.) Seguirono registrazioni e tour; ovunque la folla ha reagito con entusiasmo mentre Jack metteva in pratica il suo credo, dichiarato in Down Beat: ” Non ho mai creduto nel guardare indietro …. Cerco di giocare meglio domani di oggi. E ‘ l’unico modo in cui potrei vederlo… Ma non puoi andare là fuori e suonare ogni numero velocemente per mostrare la tua tecnica. Devi suonare dei numeri per i ballerini . ” Nel 1958 Teagarden ‘Il gruppo ha girato 18 paesi dell’Asia e dell’Estremo Oriente sotto gli auspici del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Nonostante i gravi problemi di salute – malattie cardiache e epatiche e polmonite – Teagarden continuò a suonare, cantare e fare tournée fino al 15 gennaio 1964, quando fu trovato morto nella sua stanza di un motel in Bourbon Street a New Orleans per un’apparente insufficienza cardiaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.