Comunicati sociali

GRIDO D’ALLARME DI AUDIOCOOP CONTRO SPOTIFY E BELIEVE

today16 Dicembre 2023

Sfondo
share close

Il Governo convochi Spotify e Believe al Ministero della Cultura

GRIDO D’ALLARME DI AUDIOCOOP: CON GLI INTERVENTI DI SPOTIFY E BELIEVE DI QUESTI GIORNI SONO A RISCHIO CANCELLAZIONE DALLE PIATTAFORME STREAMING MIGLIAIA E MIGLIAIA DI PICCOLE REALTA’ MUSICALI DEL NOSTRO PAESE

Intervenga con la massima urgenza l’AgCom per imporre uno stop immediato per una verifica della legittimita’ di tali azioni.

Questa settimana si e’ tenuta un’assemblea straordinaria di AudioCoop, che ha 272 associati come collecting, tutti riferibili a piccole realta’ musicali costituite da editori e produttori musicali,  che ha lanciato l’allarme verso le azioni preannunciate attraverso la stampa e attraverso mail alle piccole aziende musicali interessate del nostro paese da parte di Spotify e Believe.

Spotify, tra i diversi interventi, ne ha annunciato uno gravissimo: quello di non pagare nulla sotto i mille stream che resteranno nelle casse di Spotify con grave danno per i ¾  dei 100 milioni di brani presenti sulla piattaforma e  per un valore si stima di circa di 40 milioni di dollari l’anno che resterebbero in pancia alla piattaforma e/o andrebbero ad altre destinazioni . Un sorta di  “furto” verso gli aventi diritto a tutto tondo che colpisce mortalmente tutte le piccole realta’ musicali che invece attingono a tale fondo, pur se ognuna con poche, ma vitali, risorse.

A cio’ si aggiunge la e-mail di Believe arriva a migliaia e migliaia di piccole realta’ musicali dove, con il pretesto di ascolti artificiali in stream, annuncia la decsione di cancellare l’account di un’intera discografia di una piccola etichetta discografica indipendente cancellandola cosiì dalle piattaforme digitali e di fatto uccidendola.

“Siamo di fronte ad attacchi illegittimi e gravissimi verso le piccole realta’ musicali del nostro paese” dichiara allarmata l’assemblea di AudioCoop “Attacchi che si possono fare perche’ non il settore non ha norme a tutela delle aziende e dei lavoratori del settore ed opera in una sorta di far west dove i gigacapitalisti del monopolio globale musicale fanno cio’ che vogliono senza che nessuno intervenga. Su tali azioni abbiamo gia’ contattato Afi ed altre collecting di piccoli e medi editori e produttori discografici indipendenti italiani per agire insieme e chiedere un intervento urgente al Governo convocando i responsabili italiani ed europei di queste piattaforme a un tavolo di confronto al Ministero della Cultura ed eventualmente anche al Ministero del Made in Italy. Inoltre segnaleremo tali scorretti comportamenti all’AgCom per verificare le opportunita’ di un intervento urgente per uno stop di queste azioni che minano alla base il futuro della musica del nostro paese arrecando un gravissimo danno al patrimonio culturale italiano”.

“Ci auguriamo che tali grida d’allarme vengano gia’ raccolte dalla prossima settimana per intervenire tempestivamente prima che partano le orime azioni dannose verso la filiera craetiva musicale innovativa italiana, fatta da migliaia di piccole realta’ musicali indipendenti ed emergenti a rischio scomparsa” conclude AudioCoop.


In allegato qui sotto come esempio:

Ecco le azioni di Spotify e Believe:

SPOTIFY: ECCO LE AZIONI CHE CANCELLANO MIGLIAIA E MIGLIAIA DI PICCOLE REALTA’ MUSICALI 

Avviso agli artisti presenti su Spotify che ancora non lo sapessero: da gennaio cambia la policy sulle royalties danneggiando enormemente tutte le piccole realta’ musicali.  Infatti tra gli interventi, oltre a giusti addebiti sugli streaming artificali verso chi li fa e limiti pesanti a chi utilizza rumore per creare traffico e royalties, vi e un intervento in assoluto  tra i piu’ gravi che solo in un settore come quello della musica puo’ passare: cioe’ vi e’ quello di non pagare nulla sotto i mille stream che resteranno nelle casse di Spotify con grave danno per i ¾  dei 100 milioni di brani presenti sulla piattaforma e  per un valore circa di 40 milioni di dollari l’anno che resterebbero in pancia alla piattaforma . Un sorta di  “furto” verso gli aventi diritto a tutto tondo.

BELIEVE: ECCO LE MAIL TUTTE IDENTICHE CHE ARRIVANO A TANTISSIMI E CHE CANCELLANO PRETESTUOSAMENTE E COMPLETAMENTE MIGLIAIA E MIGLIAIA DI PICCOLE REALTA’ MUSICALI

Gentile Sig.ra / Sig. / Spett.le Società,

formuliamo la presente in riferimento al contratto di distribuzione relativo al vostro account Backstage n°131768.

Come noto, Believe è impegnata da molto tempo nella lotta alle pratiche di streaming fraudolento nell’industria musicale. Pertanto, non può permettersi di lasciare che questo tipo di attività illegali si perpetuino tra i contenuti che distribuisce ai DSP.

Nel corso degli ultimi mesi, sono state rilevate una serie di attività di streaming fraudolento sul vostro account (come descritto in dettaglio nell’allegato) che costituiscono una violazione a cui non è più possibile porre rimedio.

Inoltre, poiché numerosi DSP hanno già annunciato politiche più severe per contrastare lo streaming fraudolento, alle quali Believe è tenuta a conformarsi, è verosimile che le attività di streaming fraudolento rilevate sul vostro account causino a Believe un significativo danno patrimoniale, nonché commerciale e reputazionale, e pertanto non ci resta altra scelta che risolvere il contratto di distribuzione.

Tale risoluzione sarà efficace trascorso un periodo di 60 giorni dalla data della presente.

Nel frattempo, Believe si riserva il diritto di adottare tutte le misure conservative ritenute necessarie per proteggere i propri interessi (compresa la rimozione totale o parziale dei vostri contenuti da qualsiasi DSP che potrebbe applicare sanzioni legate allo streaming fraudolento). Entro questo termine, vi invitiamo ad accedere al vostro account Backstage e ad esportare tutti i dati di cui potreste aver bisogno.

Alla scadenza di tale periodo, Believe darà istruzioni ai DSP di rimuovere dalle piattaforme le vostre Registrazioni e/o Video musicali.

A scanso di equivoci, riceverete i rendiconti e i pagamenti a voi dovuti da Believe per tutti gli streaming legittimi; il vostro account Backstage rimarrà attivo solo a tale scopo.

Believe si riserva il diritto di intraprendere qualsiasi ulteriore azione ritenuta necessaria per proteggere i propri interessi.

Cordiali saluti,

Fraud Prevention Operations

BELIEVE

 

Scritto da: alex

Rate it

Articolo precedente

News

Advanced Music Analytics: il futuro della musica

Advanced Music Analytics: il futuro della musica Cari amanti della musica, appassionati di note e ritmi, benvenuti nel mondo avvincente degli Advanced Music Analytics! Oggi faremo un tuffo nell'oceano delle analisi musicali avanzate, scoprendo come queste nuove tecnologie stiano plasmando il panorama musicale odierno. Il fascino degli Advanced Music Analytics: cosa sono L'industria musicale è in costante evoluzione, e con essa anche gli strumenti che ci permettono di comprenderla. Gli […]

today16 Dicembre 2023


0%