News

“Ascoltando 33g”- America (Alibi)

today6 Febbraio 2024 6

Sfondo
share close
Alibi è il nono album in studio delduo folk rock americano America , pubblicato dalla Capitol Records nel 1980. Prima del loro secondo album per la Capitol, Bunnell e Beckley si separarono amichevolmente da George Martin nel tentativo di provare una nuova direzione musicale. Per il nuovo album, il gruppo ha utilizzato due produttori: Matthew McCauley e Fred Mollin. Mentre Silent Letter è stato registrato da Bunnell, Beckley e la loro band di supporto (Willie Leacox, Michael Woods, David Dickey e Jim Calire), Alibi è stato un appello virtuale alla fiorente scena musicale della West Coast. La registrazione includeva musicisti come Timothy B. Schmit , Waddy Wachtel , Mike Baird , Lee Sklar , Richard Page , Norton Buffalo e Steve LukatherAlibi , pubblicato nell’agosto del 1980, fu il secondo album americano a non presentare una foto dei membri della band sulla copertina. (La prima era una foto del tramonto di Kauai su “Harbor”, dove è stato registrato l’album.) Invece, la copertina mostrava l’immagine della testa di una bambola in primo piano di un paesaggio desertico. Dewey Bunnell ha detto di aver scelto la foto mentre sfogliava gli archivi del fotografo Henry Diltz . L’album era anche insolito nell’era del primato del vinile in quanto non aveva lati numerati. Poiché il gruppo e Capitol non erano d’accordo su quale parte sarebbe stata la prima, hanno concordato un compromesso: le parti sarebbero state etichettate “La nostra parte” e “La loro parte”. L’album ha raggiunto solo il numero 142 nella classifica degli album di Billboard negli Stati Uniti. Il primo singolo estratto dall’album, “You Could’ve Been the One”, fu un fallimento commerciale negli Stati Uniti, non riuscendo a classificarsi su Billboard e raggiungendo solo 114 nella classifica dei singoli di Record World . Il secondo singolo, “Hangover”, non è riuscito a classificarsi. Dopo che la band partecipò, come ospite speciale, al Festival di Sanremo nel 1982, “Survival” e l’album divennero dei successi in Italia, con la canzone che entrò nella top 5 e l’album che raggiunse il numero 2. Sebbene Alibi fosse l’ennesima delusione commerciale per l’America, le fortune della band sarebbero migliorate notevolmente con il loro album successivo, View From The Ground (1982), che includeva il successo della Top Ten, ” You Can Do Magic “. McCauley avrebbe poi prodotto diversi brani dell’album America’s Perspective nel 1984, mentre Mollin è tornato nel 2011 per produrre l’album di copertina di America, Back Pages .

Tracce

1. “Survival”
2. “Might Be Your Love”
3. “Catch that Train”
4. “You Could’ve Been the One”
5. “I Don’t Believe in Miracles”
 
6. “I Do Believe in You”
7. “Hangover”
8. “Right Back to Me”
9. “Coastline”
10. “Valentine”
11. “One in a Million”
  America Alibi LP vinile 1980 | eBay    

Scritto da: Roberto

Rate it

Articolo precedente

Artisti e Band

‘Chi lo decide chi siamo?’: esce il video del brano di Cenere, che ha vinto il Premio Amnesty di Voci per la libertà

ONLINE IL VIDEO DI “CHI LO DECIDE CHI SIAMO?”, IL BRANO DI CENERE VINCITORE DEL PREMIO AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA EMERGENTI 2023 A VOCI PER LA LIBERTA’ LE PRIME SCADENZE PER L’ASSEGNAZIONE DEI DUE PREMI AMNESTY ITALIA 2024 Si intensificano le attività in vista della 27a edizione del festival “Voci per la Libertà – Una canzone per Amnesty”, in programma dal 19 al 21 luglio 2024 a Rovigo, che avrà il clou […]

today5 Febbraio 2024 1


0%