“Venerdì in Summer” DJA

DJAngelino

PLASTIC BERTRAND Roger Allen Francois Jouret, meglio noto come Plastic Bertrand, è nato il 24 febbraio 1954 a Bruxelles, in Belgio. Suo padre era francese mentre sua madre era ucraina.Bertrand era un appassionato di musica fin da quando era bambino e formò la band “Buffalo Scouts Band” insieme ai suoi amici dei Boy Scouts quando aveva solo nove anni. Successivamente, divenne un membro fondatore della band, The Pelican, che si esibiva in bar e festival.Dopo aver conseguito la laurea in teoria musicale presso l’Accademia musicale presso l’Athenee Adolphe Sax, Bertrand andò al Royal Conservatory of Music nel 1973 al fine di arricchire ulteriormente le sue conoscenze musicali. L’anno seguente fondò la band, Hubble Bubble, e si esibì per la band molte volte quando divenne abbastanza popolare.La più grande pausa di Bertrand arrivò nel 1977 quando iniziò la sua carriera come artista solista con l’iconica canzone “Ca Plane pour moi” e gli fu attribuita la canzone, nonostante fosse stato Lou Deprijck a cantarla.

Ha portato a tournée musicali negli Stati Uniti, in Giappone e in Australia, quando Bertrand divenne una rarità tra i musicisti; un musicista di lingua francese con un richiamo internazionale.Plastic Bertrand è emerso come cantante, scrittore e batterista per la sua band Hubble Bubble e nel 1978 la band pubblicò il loro primo album intitolato “Hubble Bubble”. Tuttavia, la band non è rimasta insieme a lungo, poiché i membri della band hanno deciso di andare per la propria strada in seguito alla morte del bassista in un incidente.Bertrand si trasferì a Milano in Italia nel 1982 e visse lì per tre anni. Durante il suo soggiorno a Milano, ha collaborato con Daniel Balavoine e con Anni-Frid Lyngstad della famosa band ABBA per produrre la canzone “Abbacadabra”. Successivamente, è apparso nel film “Legitime Violence” e ha anche composto la colonna sonora di “Asterix Versus Caesar”

Nel 1994, Plastic Bertrand pubblicò il suo album intitolato “Diagonal” in collaborazione con Jacques Lanzmann, e la nota etichetta musicale Sony produsse l’album. Successivamente, Bertrand fondò la MMD, una società per la produzione di album musicali e produsse un’ampia varietà di musica che spaziava dalla musica ispirata alla musica contemporanea turca e balcanica.Nel 1997, Bertrand tornò all’attenzione pubblica quando MTV lo dichiarò “l’artista di ritorno più ricercato”. È apparso come artista ospite nell’album “Get Ready!”, E ha registrato nuovamente la canzone del 1982 “Stop ou encore”. Nel 1998, una raccolta delle sue migliori canzoni è stata rimasterizzata e pubblicata dalla Universal-AMC. Bertrand aiutò Pierrette Broodthaers con l’apertura della Galleria d’arte “Broodthaers & Bertrand” e allo stesso tempo fece tournée in tutta Europa per concerti di musica. È anche apparso sulla TV britannica per spettacoli musicali e talk show.Plastic Bertrand ha pubblicato l’album “Ultra terrestre” nel 2002 e quello è diventato l’ottavo album della sua carriera mentre godeva di un’impennata di popolarità in tarda carriera. Nello stesso anno, ha ospitato lo spettacolo “Star Academy” e l’anno successivo ha celebrato il suo giubileo d’argento come cantante esibendosi in un concerto a Bruxelles.

LIO

Benny: “Lio è lo pseudonimo di Vanda Maria Ribeiro Furtado Tavares de Vasconcelos, cantante di origine portoghese naturalizzata belga che ha avuto un grande successo in Francia. E’ stata l’antesignana dell’invasione pop della musica francese che ha caratterizzato i primi anni ’80, in risposta all’Italo Disco. C’era anche un altro personaggio, Plastic Bertrand, che si trasferì addirittura nel nostro paese”

Non c’è niente da fare, quando si parla di musica i prodotti francofoni hanno quel qualcosa in più, per non parlare delle interpreti. No, non stiamo parlando di Carla Bruni ma di Lio, un’adorabile fanciulla portoghese naturalizzata belga che nel 1980, appena diciottenne, conquistò le vette delle hit parade europee col suo singolo “Amoreux Solitaires”, splendido pezzo synthpop da manuale.

L’album autointitolato da cui il brano è estratto è assolutamente all’altezza delle aspettative. Ascoltando “J’obtiens Toujours Tout Ce Que Je Veux” avvertirete l’istinto irrefrenabile di prendere i pattini e scendere in pista su una dancefloor stroboscopica, “Comix Discomix” vi conquisterà con il suo groove di chitarrine che sembrano lo squittio di un topolino di campagna e “You Go To My Head” vi farà venire voglia di tenervi per mano con la vostra fidanzatina (o fidanzatino) mentre guardate “Il Tempo Delle Mele 2”;

AMANDA LEAR La data di nascita di Amanda Lear, pseudonimo di Amanda Tap, è avvolta nel mistero. Per quanto riguarda il giorno, alcuni ipotizzano che si nata il 18 giugno, altri il 18 novembre. Altrettanta confusione esiste sull’anno di nascita che varia tra il 1939 e il 1946. Non è possibile, quindi, risalire all’età della cantante, attrice, scrittrice, conduttrice televisiva, pittrice e modella francese, naturalizzata britannica. Anche se dovrebbe avere circa 82 anni. All’inizio degli anni ’60, ha intrapreso la carriera di attrice, distinguendosi per la sua androginia che affascinò il pittore surrealista Salvador Dalì, del quale fu la musa. Nel 1975, ha firmato con la Ariola Records di Monaco di Baviera e ha debuttato come cantante riscuotendo un incredibile successo, grazie soprattutto alla sua voce bassa e sensuale e all’aura di mistero e ambiguità che avvolgeva il suo personaggio. In poco tempo, quindi riuscì a imporsi sulla scena della musica Disco europea ma anche in Su America, Giappone e altri Paesi con singoli come Queen of Chinatown e Tomorrow.

Nel corso della sua vita, Amanda Lear ha avuto molti flirt e relazioni importanti. Negli anni ’60, divenne amica di Brian Jones mentre, per 16 anni, fu amante del pittore surrealista Salvador Dalì. Successivamente, ebbe una relazione con il cantante e attore David Bowie.

Nel 1965, all’età di 26 anni, ha sposato Morgan Paul Lear con una cerimonia organizzata a Chelsea: dopo la separazione dal marito, tenne il suo cognome.

Il 13 marzo 1979, si è nuovamente sposata con l’aristocratico francese Alain-Philippe Malagnac d’Argens de Villèle: l’uomo era un produttore musicale ma anche amante e figlio adottivo dello scrittore Roger Payrefitte. Le nozze si tennero a Los Angeles durante il tour promozionale dedicato al suo album Sweet Revenge. Malagnac è morto nel 2000 a 51 anni, dopo essere rimasto coinvolto nell’incendio della loro villa in Provenza. Al secondo marito, Amanda Lear ha dedicato l’album Heart.

15 minuti con DJAngelino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.