“ La Solita Storia”

La terra del Salento ha sempre la capacità di stupirci.

Oggi ci fa conoscere un nuovo cantautore emergente: Boggia, autore di “La solita storia”.

Il suo ultimo progetto musicale affronta un tema sociale molto diffuso e che tocca la “Generazione Social”.

In questo brano, dove si parla di una semplice storia di una coppia invitata ad una festa e che deve fare I conti con l’ossessione dei social e non riescono a godersi il momento, intende farci riflettere sulla necessità  di riempire la propria vita di stimoli e immagini per evitare la noia ed evidenziare la propria interazione personale.

I social network ci distolgono dalla noia, cosa che non sempre è positiva, perché la noia va affrontata e superata.

Ci viene sottratto proprio il tempo del pensiero e delle riflessioni.

Ed è un problema molto vicino ai giovani che hanno un tempo lungo davanti a sé: ogni volta che subentra lo spettro del tempo, si corre sui social network e ci si riempie di stimoli e immagini auto consolanti per evitare la noia e la sensazione della solitudine.

É ben evidenziato come i giovani hanno un rapporto stretto con i social, facendoli acquisiti come un dato di fatto nel loro orizzonte comunicativo e di interazione sociale.

I rischi, sono ben presenti, fino al punto che si può creare una vita parallela da cui non si riesce più ad uscire, perdendo di vista quei comportamenti essenziali per la nostra vita: l’interazione umana e il rapporto con la noia.

L’illusione che i giovani provano esprimendosi e sentendosi parte di una comunità, oltre ad offrire un supporto emotivo attraverso reazioni e frasi di incoraggiamento, fa si che di contro ci sia un aumento dell’ansia e della depressione, in grado di generare aspettative irrealistiche e sentimenti di inadeguatezza e bassa stima.

L’ossessione di apparire, come viene raccontato nel testo della canzone, crea un senso di insoddisfazione verso il proprio corpo e di come appare sui social, fanno si che ci si confronti su canoni estetici irraggiungibili e spesso irreali, tutte ossessioni che fanno perdere il momento e la bellezza di godersi un momento di svago.

Questo è quello che, in chiave pop, Boggia ha voluto trasmetterci con il suo ultimo single.

Artista che, fin dai primi anni di vita, ha avuto un meraviglioso rapporto con la musica e che con il supporto dei genitori e di tutti che hanno creduto in lui, lo hanno portato a studiare, esercitarsi costantemente, soffrire e migliorarsi giorno per giorno, come se non ci fosse un domani.

Sono varie le fasi di cambiamento che ha incontrato durante la sua carriera musicale, e anche se negativa, una forte delusione d’amore, lo ha fatto rinascere come cantautore.

Lo studio del pianoforte e l’ispirazione musicale verso alcuni artisti risultati poi fondamentali per la sua identità musicale e la collaborazione con Pino Romanelli, lo hanno portato alla stesura dei suoi due single “QUANDO ARRIVI TU” e “LA SOLITA STORIA”, brani che Magilla Edizioni Spettacoli e l’etichetta discografica Sorridi Music, hanno subito saputo capirne l’alto valore musicale e decidere di puntare sul giovane cantautore brindisino.

É possibile ascoltare i due single sulle piattaforme Youtube, Spotify e sulla sua pagina Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.