“Il Mio Vinile”- Ten Years After

Nel 1967, Ten Years After stava sciogliendo il pubblico con una residenza al prestigioso Marquee Club di Londra, durante la quale affinarono il loro stile di performance rumoroso e aggressivo. Nell’agosto 1967 il gruppo suonò al Windsor Jazz Festival e fu accolto così estaticamente che gli fu offerto un contratto con la Deram Records, una sussidiaria dell’etichetta britannica Decca. Senza nemmeno un singolo rilascio iniziale, la band registrò il loro primo album omonimo nel settembre 1967, che fu pubblicato in fretta da Deram in ottobre. L’album mescolava standard blues come “Spoonful” e “Help Me” con originali blues di Alvin Lee e vendette abbastanza bene da far guadagnare alla band un profilo più ampio nel loro paese natale.

La band fece per la prima volta un tour internazionale nel 1968, con tournée in Europa e negli Stati Uniti. Un secondo album,  Undead , fu pubblicato nell’agosto dello stesso anno. Questo album dal vivo, registrato durante uno spettacolo in un club a Londra a maggio, ha continuato lo schema stabilito dal primo album e includeva lo spettacolo di chiusura di Alvin’s Lee “I’m Going Home”. Dopo un tour ancora più implacabile, la band è stata in grado di registrare il loro terzo album,  Stonedhenge , che è stato pubblicato nel febbraio 1969. Questo è stato il primo album di Ten Years After ad essere in gran parte auto-scritto, con il contributo di Leo Lyons e Chick Churchill in aggiunta a più originali di Alvin Lee. Questo album ha raggiunto la posizione # 61 nelle classifiche statunitensi, che era la posizione più alta in classifica di Ten Years After fino ad oggi.

Ten Years After fu impegnato nell’estate del 1969. Oltre a registrare il loro quarto album,  Ssssh. (che è stato interamente scritto da Alvin Lee a parte una cover del classico “Good Morning Little Schoolgirl” di Sonny Boy Williamson), sono stati tra i primi gruppi rock invitati ad esibirsi al Newport Jazz Festival. Hanno suonato al Seattle Pop Festival a luglio, seguito dalla loro apparizione che ha definito la carriera ad agosto a Woodstock.

Con il cielo che si fa sempre più buio, Ten Years After è salito sul palco di Woodstock intorno alle 20:30. Di tutti gli artisti che hanno suonato a Woodstock, sembrerebbe che i Ten Years After abbiano ovviamente guadagnato il loro cuore viola, offrendo un set assolutamente perseguitato da problemi tecnici. Hanno aperto con una melodia che avevano interpretato nel loro album di debutto omonimo del 1967, “Spoonful” di Willie Dixon (tramite Howlin’ Wolf, tramite Cream). La band ha tentato di stabilire un ritmo nonostante le scosse elettriche dell’acqua piovana che aveva inzuppato le loro apparecchiature e i gravi problemi di accordatura dovuti all’umidità. Il numero successivo, una cover di “Good Morning Little Schoolgirl” di Sonny Boy Williamson (recentemente coperto nel loro quarto album  Ssssh.), era anche peggio. La band ha interrotto la canzone due volte per risintonizzarla e non è mai stata completamente in sintonia con essa.

Ritirandosi in un territorio più sicuro, la band ha ottenuto un po’ di slancio con “Hobbit”, un veicolo strumentale per un allenamento muscolare del batterista Ric Lee (che l’ha anche composto). Un’altra cover è seguita con una versione del popolare numero del Blues Project (scritto dall’organista Al Kooper) “I Can’t Keep From Crying, A volte”. Partendo come un numero di blues lento standard, la canzone è decollata in una vetrina per alcuni seri colpi di chitarra da parte di Alvin Lee, inclusa l’applicazione unica di una bacchetta alle sue corde. Questo ha acceso la folla e alla fine la band era su buone basi. La band ha tenuto il passo con una versione calda di un altro standard di Sonny Boy Williamson (in realtà Sonny Boy Williamson II, il secondo musicista a usare quel sacro nome), “Help Me”. Entrambe queste canzoni sono state le basi di lunga data del repertorio Ten Years After,

Il set di Ten Years After a Woodstock si è concluso con il brano preferito dai fan “I’m Going Home”, un originale di Alvin Lee pubblicato nell’album live del 1968,  Undead . L’allenamento di Alvin Lee ha definito il termine caldo, poiché ha bruciato freneticamente la tastiera per dieci minuti con alcuni dei brani musicali più ottani consegnati al festival. Ha incluso una lunga sezione di breakdown nel mezzo della canzone, alla deriva in frammenti di vecchi standard rock and roll come “Blue Suede Shoes” di Carl Perkins e “Whole Lotta Shakin’ Going On” di Jerry Lee Lewis. La folla è diventata balistica alla fine di questo, gridando per il bis che Ten Years After non ha giocato. Alvin Lee è uscito dal palco di Woodstock con la sua band dopo aver realizzato un’esibizione leggendaria nonostante le probabilità, e gli è stata persino data un’anguria celebrativa da portare con sé. Woodstock ha alzato notevolmente il profilo di Ten Years After (due album hanno raggiunto la posizione #20 nelle classifiche statunitensi) e la band è stata ulteriormente incoraggiata dall’inclusione di “I’m Going Home” nel film documentario del festival di Michael Wadleigh e nella sua colonna sonora di accompagnamento. Altri album di successo seguirono con  Cricklewood Green  e  Watt degli anni ’70 , essendo quest’ultimo l’ultimo album che la band avrebbe registrato per la Deram Records. La band cambiò etichetta discografica nel 1971, con la Columbia Records che pubblicò  A Space in Time , che conteneva il loro più grande successo, “I’d Love To Change The World”, che ricevette una notevole trasmissione radiofonica.

Ten Years After ha pubblicato altri due album in studio ( Rock & Roll Music To The World  e  Positive Vibrations ) e un album dal vivo ( Recorded Live ) prima di sciogliersi nel 1974 a causa del calo del successo commerciale e di essere considerato la band che suonava “I’m Andare a casa” a Woodstock. Si sono riuniti per il Reading Festival nel 1983 e di nuovo nel 1988, durante il quale hanno registrato il loro unico album di reunion,  About Time. Hanno continuato a fare tournée fino a quando Alvin Lee è stato sostituito nel 2003 dal chitarrista Joe Gooch. Alvin Lee ha continuato a suonare e registrare da solo fino alla sua morte nel 2013 a seguito di un intervento chirurgico per correggere un battito cardiaco irregolare. Il bassista Leo Lyons ha lasciato nel 2014 e Ten Years After continua a girare oggi con Ric Lee e Chick Churchill come gli unici membri originali rimasti.

1 commento su ““Il Mio Vinile”- Ten Years After”

  1. Ꮤоѡ that was strange. I just wrote an really long cоmment
    but after I clicked ѕubmit my comment Ԁіdn’t show up.
    Grrrr… welⅼ I’m not writing ɑll that over аgain. Anyhow, just wanteԁ to
    say fantastic blog!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.