Gianni Nocenzi

A 19 anni era “l’altra mano” del Banco del Mutuo Soccorso.

Sceglie un percorso di ricerca, avanguardia, studi. Incide due album avanti “anni luce” rispetto allo standard discografico degli anni 80/90, “Empusa” e “Soft songs”.

Dopo 23 anni di silenzio voluto è tornato con un grande album di piano-solo, “Miniature”, considerato a ragione una delle più importanti e “inattese” sorprese del 2016.

Uno dei pochi “geni” del panorama musicale. Ha avuto l’unico torto di essere nato in Italia, paese dove si “contrabbanda” un libro di Bruno Vespa come evento culturale.

Avanti così brother Gianni… raggio di sole in questo grigiore musicale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.