Rino Gaetano, cantautore satirico e anticonformista

Rino Gaetano

Rino Gaetano è stato un famoso cantautore satirico italiano degli anni ’70. Quando il giovane Rino aveva dieci anni, la sua famiglia si trasferì da Crotone (Calabria) a Roma in cerca di lavoro. Il cantante avrebbe trascorso il resto della sua vita nella capitale, ma le sue umili radici meridionali sarebbero state evidenti per tutta la sua carriera. Gaetano, infatti, fu predisposto fin dall’inizio ad assumere il ruolo di outsider, personaggio pubblico che costruì, ad arte e allegramente, in una serie di documenti iconoclasti e apparizioni sceniche. I suoi testi irriverenti e idiosincratici e lo stile di canto erano in contrasto sia con il mainstream commerciale che con gli artisti italiani politicamente impegnati dell’epoca, così le prime registrazioni di Gaetano, il singolo del 1973 “I Love You Marianna” e l’album del 1974 Ingresso Libero, non riuscirono a fare successo. Il riconoscimento arrivò infine con il brano “Il Cielo è Sempre Più Blu”, una descrizione tipicamente corrosiva della società italiana che inaspettatamente arrivò in cima alle classifiche nel 1975. Tra il 1976 e il 1980 Gaetano registrò una serie di album di successo (Mio Fratello è Figlio Unico, Aida, Nuntereggae Più, Resta Vile Maschio Dove Vai), che cementò la sua reputazione di commentatore ironico dell’Italia sul conservatorismo sessuale, l’ipocrisia religiosa e la corruzione politica del paese. Uno spirito libero unico, la persona colorata di Gaetano è stata rafforzata dalle sue esibizioni e abiti stravaganti, in particolare al festival di Sanremo, l’evento tradizionale della musica popolare italiana che Gaetano amava prendere in giro – pur essendo cinicamente consapevole che aveva anche bisogno di esibirsi lì per vendere dischi. Tragicamente, Gaetano morì in un incidente d’auto a Roma il 2 giugno 1981, poche settimane prima del suo matrimonio. Aveva 31 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.