The King & I – Faith Evans / The Notorious B.I.G.

Nonostante il suo co-billing, The King & I è più un disco di Faith Evans che spesso campiona la voce di Notorious B.I.G. che il terzo album postumo di B.I.G.. È una sorta di viaggio nostalgico attraverso la relazione del duo, che incorpora anche un interludio in cui Jamal Woolard riprende il suo ruolo principale di Notorious per ricreare uno spensierato momento iniziale nel corteggiamento di Evans e Biggie. Altrove, la madre di Biggie, Voletta, accreditata come produttore co-esecutivo con la figlia e il figlio di Evans e Biggie, ricorda le interazioni con il suo defunto figlio e la nuora. Anche personaggi come Lil’ Kim, Lil’ Cease, Sheek Louch, Jadakiss e Busta Rhymes contribuiscono con dei versi. Biggie si sente dappertutto, la maggior parte delle volte con versi così noti che la sua presenza va dallo sconcertante nel migliore dei casi al confuso nel peggiore. Ci sono alcune applicazioni intelligenti, come l’uso di un verso di Biggie da un oscuro brano di Aaron Hall, ascoltato nell’abile collaborazione con Just Blaze “The Reason”. Alcune di queste canzoni, tuttavia, sarebbero molto più efficaci senza la voce del defunto rapper. Prendete l’altrimenti bella “Somebody Knows”, dove Evans canta del mistero riguardante l’omicidio di Biggie; Biggie stesso scandisce un mucchio di versi con “Who shot ya?”, come se si stesse rivolgendo al suo corpo senza vita. Il riciclaggio di parti di “Who Shot Ya?”, un momento storico dell’hip-hop – un brano che 2Pac credeva fosse diretto a lui – è abbastanza bizzarro, ma il contesto in cui sono calati qui manca di senso. Il riciclo costante, insieme alla quantità e alla varietà di altre voci, distrae da alcune delle migliori e più appassionate performance di Evans, che sono accompagnate da un solido lavoro di un gruppo di co-produttori che include Salaam Remi, James Poyser e DJ Premier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.