The Apple Drop – Liars

Su TFCF del 2017 e su Titles With the Word Fountain dell’anno successivo, Angus Andrew dei Liars ha portato l’isolamento agli estremi. Come membro solitario del progetto, suonava profondamente solo e inghiottito da se stesso in canzoni che erano ellittiche anche per gli standard dei Liars. Andrew cambia ancora una volta rotta in The Apple Drop, un album che costruisce sui punti di forza e sui temi ricorrenti di Liars con un approccio notevolmente diverso. Affiancato da una piccola manciata di collaboratori – l’ex membro degli High Places Mary Pearson Andrew, il batterista jazz d’avanguardia Laurence Pike e il polistrumentista Cameron Deyell – Andrew dà al decimo album dei Liars un ampio respiro. Anche quando il progetto era una band di quattro elementi durante i giorni di They Threw Us All in a Trench and Stuck a Monument on Top, i Liars raramente hanno suonato così massicciamente come in brani come “The Start”, una distesa scivolosa punteggiata da un’elettronica pungente che serve come collegamento principale al loro lavoro immediatamente precedente. La strumentazione dal vivo dà alla musica dei Liars un peso che non aveva dall’album omonimo del 2007, ma questa volta la loro versione del rock spesso condivide più con il prog classico o l’art rock che con le loro basi post-punk. Questo è particolarmente vero per “Big Appetite”, un longevo, psichedelico standout che fornisce una delle tante vetrine per il lavoro di stickwork di Pike, e per la spazialità Floyd-iana di “From What the Never Was”. Anche se queste canzoni sono relativamente semplici rispetto al resto della produzione dei Liars, il loro impegno nel maciullare artisticamente i suoni rimane forte in The Apple Drop. I momenti in cui Andrew fa un uso audace dei suoi collaboratori sono tra i più belli: “My Pulse to Ponder” si avvicina di più a uno dei capricci art-punk del progetto, ma mentre Andrew mette in rima “cut your throat” e “ransom note” con allegra minaccia, i loop di nastro che scuotono e gli ottoni squillanti che lo sostengono ricordano spesso J.G. Thirlwell. A parte le allusioni ironiche ai talent show degli anni ’80, “Star Search” è un tour-de-force trippy, che si estende fino alla fine della galassia e poi ritorna sulla terra per unirsi a una banda post-apocalittica che canta insieme a un piano metallico da saloon. Su “Sekwar”, il lento parlare di Andrew flirta con il rap, le armonie vocali raggiungono il cielo, e un massiccio basso synth cementa la criptica ma inconfondibile sensazione di paura e rimpianto. I Liars fanno anche spazio al loro lato meditativo con “Slow and Turn Inward”, che dà un tocco acustico ai regni oscuri di Drum’s Not Dead o Sisterworld, e con il sorprendentemente grazioso psych-pop di “King of the Crooks”, che suona come il lavoro di una band completamente diversa, tranne che per l’elettronica spettrale appena sotto la superficie. Più di tutto, Andrew e compagnia si divertono a sfidare le aspettative del loro pubblico fino alla nota finale dell’album. Proprio quando “Acid Crop” sembra fornire una chiusura con la sua atmosfera doomy e le chitarre nodose, “New Planets New Things” la porta via con le sue astrazioni di synth aperte. Un ritorno rinvigorito, The Apple Drop mostra che i Liars possono ancora reinventare la loro musica e sorprendere gli ascoltatori mentre chiudono la loro seconda decade.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.