Respect [Original Motion Picture Soundtrack] – Jennifer Hudson

Jennifer Hudson ha fatto l’audizione per American Idol nel 2004 con “Share Your Love with Me”, cantata con evidente riverenza per la versione incisa da Aretha Franklin. Solo tre anni dopo, dopo aver vinto un Academy Award per Dreamgirls, la Hudson fu convocata dalla Regina del Soul, che la salutò con “Vincerai un Oscar per avermi interpretato, vero?” La Hudson ha poi riconosciuto che allora non aveva abbastanza esperienza di vita per ritrarre Aretha, ma quando nel 2019 sono iniziate le riprese di Respect, lei e il suo eroe avevano molto più di un background gospel e della fama in comune. I risultati professionali della Hudson durante questo periodo decennale di bassi indicibili e alti estremi includevano un debutto a Broadway nel revival di The Color Purple, vincitore di un Tony. È con i produttori della sua registrazione del cast, vincitrice di un Grammy, Stephen Bray e Jason Michael Webb, che ha realizzato la colonna sonora di Respect. La sequenza vagamente cronologica inizia nella chiesa con “There Is a Fountain Filled with Blood” – doppiata prima da Skye Dakota Turner, che interpreta la giovane Aretha e cede a Hudson prima della fine della prima strofa – e finisce nello stesso ambiente con l’unica nuova canzone. Il finale è un’accattivante testimonianza scritta da Carole King, co-autrice di “(You Make Me Feel Like A) Natural Woman”, che è una delle dieci canzoni qui incluse che provengono dalla svolta artistica di Aretha nel 1967-1968 e dalla sua fase di supernova con la Atlantic Records. Cantanti meno bravi probabilmente tenterebbero l’imitazione e senza dubbio fallirebbero. La Hudson è tra i pochi che potrebbero farcela. Invece, la powerhouse sembra raccogliere il suo passato tanto quanto quello del suo soggetto, e anche se inchioda alcuni dei manierismi e delle inflessioni della regina – specialmente quando il materiale richiede euforia e affermazione – la sua voce rimane singolare. Le esecuzioni di tre canzoni dell’eccezionale album gospel dal vivo Amazing Grace non hanno lo stesso senso di urgenza, e il rumore della folla su “Respect” è stranamente scollegato. Più spesso, comunque, queste interpretazioni brillano e fanno bene alla regina. Hudson, le cui registrazioni dopo JHUD sono state sparse in termini di scopo, stile e qualità, non suonava così ispirato da tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.