All Things Must Pass – George Harrison

Senza dubbio, la prima registrazione da solista di George Harrison, originariamente pubblicata come triplo album, è la sua migliore. Attingendo al suo arretrato di composizioni inutilizzate della tarda era dei Beatles, Harrison creò del materiale che riuscì nella rara impresa di trasmettere misticismo spirituale senza sacrificare i suoi doni per la melodia e i grandiosi arrangiamenti. Valorizzato dalla lussureggiante produzione orchestrale di Phil Spector e dalla superba chitarra slide di Harrison, quasi ogni canzone è eccellente: “Awaiting on You All”, “Beware of Darkness”, la collaborazione con Dylan “I’d Have You Anytime”, “Isn’t It a Pity” e i singoli di successo “My Sweet Lord” e “What Is Life” sono solo alcuni dei punti forti. Un lavoro molto commovente, con un piccolo difetto: le jam che compongono il terzo finale dell’album sono in qualche modo dispensabili, e probabilmente sono state suonate solo una o due volte dalla maggior parte degli ascoltatori che possiedono questo disco. Quelle stesse jam, tuttavia, suonate da Eric Clapton, Carl Radle, Bobby Whitlock e Jim Gordon (tutti appena usciti da un tour come parte della band di Delaney & Bonnie), si rivelarono di immensa importanza musicale, precipitando la formazione di Derek & the Dominos. Così, non furono un totale vicolo cieco, e potrebbero in realtà essere molto più graditi ai fan di quest’ultima band.

[All Things Must Pass ha ricevuto una ristampa deluxe nel 2001, supervisionata da George Harrison in uno dei suoi ultimi atti creativi. Una manciata di bonus tracks sono state aggiunte e le sequenze del terzo LP – quello con tutte le jam strumentali – sono state ritoccate, tutti bonus benvenuti a un album già generoso. Supervisionata da Dhani, il figlio di Harrison, e dal suo collaboratore Paul Hicks, la ristampa del 50° anniversario di All Things Must Pass fa scomparire qualsiasi edizione precedente. Ufficialmente, ci sono sette diverse edizioni del 50° Anniversario di All Things Must Pass – che vanno dalle ristampe dell’album vero e proprio sia su CD che su LP a un costoso e stravagante set alloggiato in una cassa di legno – ma le attrazioni principali sono le Super Deluxe Editions che contengono una serie di demo e outtakes nel corso di cinque CD o otto LP; l’incarnazione su CD include anche un Blu-ray con mix surround. Ogni versione, comprese le edizioni più scarne, presenta un nuovo mix di Dhani Harrison e Hicks, che illumina l’originale e sposta la voce di George nella parte anteriore del mix; rinfresca l’album senza modernizzarlo inutilmente. La vera novità sta in tutti i demo, le alternate takes e le outtakes della Super Deluxe Edition. Molti dei demo circolavano su un bootleg chiamato Beware of ABKCO! negli anni ’90 – il titolo deriva da un ironico inciso di Harrison durante “Beware of Darkness” – ma la fedeltà qui è molto migliore, in più ce ne sono di più. Ci sono anche diverse canzoni inedite che debuttano qui, come il numero rockabilly scherzoso “Going Down to Golders Green” e l’arzilla “Cosmic Empire”, per non parlare di un altro tentativo di “Sour Milk Sea”, una canzone che Harrison diede a Jackie Lomax nel 1968. Ci sono anche un mucchio di jam sciolte e informali, comprese le divagazioni fuori mano di “Wedding Bells (Are Breaking Up That Old Gang of Mine)” e “Get Back”. C’è un sacco di materiale qui, che sottolinea come la registrazione di All Things Must Pass abbia trovato Harrison in un picco gioiosamente creativo].

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.