Achille Lauro vince “Una Voce per San Marino” e vola all’Eurovision Song Contest

Incredibile ma vero: Achille Lauro, superfavorito alla vigilia e in pole anche per i bookmakers, ha vinto “Una Voce per San Marino” e parteciperà come rappresentante della Repubblica del Titano all’Eurovision Song Contest, in programma dal 10 al 14 maggio a Torino.

Lauro voleva partecipare all’Eurovision 2022 e alla fine ce l’ha fatta, con il brano “Stripper” si è classificato al 1° posto vincendo anche il premio per il brano più radiofonico. Lo ha scelto una giuria guidata da Mogol nella serata finale al Teatro Nuovo di Dogana trasmessa da San Marino Rtv, organizzato in collaborazione con Media Evolution e della Segreteria di Stato per il Turismo.

La partecipazione a ‘Una Voce per San Marino’ era aperta a big ed emergenti, senza limitazioni di cittadinanza e di scelta della lingua nell’interpretazione del brano presentato per il concorso. In gara c’erano artisti provenienti da tutto il mondo e altri colleghi italiani come Ivana Spagna, Valerio Scanu e Alberto Fortis. Sul podio, al secondo posto dopo Lauro, si è classificata la coppia formata da Alessandro Coli (da Sant’Arcangelo, Emilia Romagna) e Burak Yeter, il dj turco autore della canzone di testa de “La casa di carta”, mentre al terzo Aaron Sibley dal Regno Unito.

Quest’anno l’Italia avrà due rappresentanti concorrenti all’Eurovision: Mahmood e Blanco, vincitori di Sanremo; e Lauro, che pur rappresentando tecnicamente un altro stato è pur sempre un artista nostrano e come tale si può considerare (e tifare).

Il brano “Stripper” è una canzone dai toni punk, composta da Lauro nei mesi precedenti alla sua partecipazione a Sanremo. Nel brano il cantante si diverte a giocare con i luoghi comuni e sfatarli, citando Britney Spears e Madonna e la frase cult della hit dei Beatles “All you need is love” diventata “All i need is love” (“Ma che stupida voglia chе ho, Ma guarda che donna che sono, Nessuno mi può giudicare, Ti fidi di me?, Che stupido uomo, Ma che stupida voglia, Ma che stupida voglia”)

Lo vedremo quindi all’Eurovision, nell’anno in cui il Contest internazionale si svolge da noi a Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.