“Venerdi in VINTAGE” DjA

THe KNAK

Ci sono band capaci di un successo dietro l’altro, artisti che dopo anni sanno ancora stupirci. C’è chi, invece, scrive una sola canzone, destinata però a restare leggendaria. È il caso di My Sharona, un brano power pop dal riff imbattibile e che, una volta ascoltato, non ci abbandona più. Il pezzo, uscito il 18 giugno 1979 come estratto dal primo album dei The KnackGET THE KNACK, è talmente noto da aver oscurato il nome e il futuro della band. Chi ricorda oggi i The Knack? E chi può dire cosa fece il gruppo dopo quella prima, indimenticabile hit?Doug Fieger, Berton Averre, Prescott Niles e Bruce Gary si erano conosciuti a Los Angeles, nel 1977 e, suonando nei locali davanti ad artisti quali Stephen Stills e Bruce Springsteen, avevano dato vita ai The Knack. Fieger, allora venticinquenne, conviveva con la fidanzata Judy Halpert.

Ma la coppia entrò in crisi quando Fieger conobbe Sharona Alperin, una diciassettenne che lavorava in un negozio di abbigliamento. Sharona diventò una fan della band, iniziò a seguire tutti i concerti e fece innamorare di lei il cantante.Ecco dunque l’origine del brano: un amore non corrisposto, e un riff geniale, scritto molto tempo prima dal chitarrista del gruppo, Berton Averre.  Sharona non cedette alle avances del frontman dei The Knack, ma si fece convincere a posare per la copertina del 45 giri.

KANO

Sull’onda della disco music, a fine anni 70 in italia nascono vari gruppi che tentano di imitare quello stile che spopola in USA.
Nasce così il genere disco italiano: gruppi come gli Easy Going, i fratelli La Bionda, Gepy & Gepy sono solo alcuni degli esponenti degli albori di quello che diverrà il fenomeno “italo disco“. Oggi ci dedichiamo ad un altro gruppo nato a fine anni 70, i Kano, formato nel 1979 dai produttori Luciano Ninzatti, Stefano Pulga e Matteo Bonsanto.
Anche loro figurano tra i fondatori del genere che sarebbe poi poi diventato l’italo disco, musica disco- funky carica di sintetizzatori. Il loro primo singolo è “I am Ready”, che introduce suoni nuovi per l’epoca, contenuti nell’album omonimo che racchiude anche altri brani, tutti destinati a divenire spunti per la disco marchiata Italia ma anche per l’hip pop: infatti I am Ready diventa un classico per la break dance, specie in USA. Dopo il primo album, la voce è quella che tutti conosciamo, quella di Glen White. Un cantante nato nei Caraibi, che però si era trasferito in Italia, dove aveva coltivato la passione per la musica.

A meta anni 70 Glen viene ingaggiato per una tournée nei teatri assieme ad artisti come Teo Teocoli, Renato Zero, Loredana Berté, Ronnie Jones e molti altri.
Viene notato dal gruppo dei Kano, che lo ingaggiano come loro cantante. Da quel momento lui non è più Glen White ma KANO.

Ad Visser & Daniel Sahuleka 

Ad Visser (Amsterdam, 28 aprile 1947) è un conduttore televisivo e cantante olandese.
Ha esordito come conduttore televisivo nel 1970 con il programma musicale Toppop per poi intraprendere parallelamente una carriera da cantante, incidendo diversi dischi, a partire dal 1981, per varie etichette tra cui la Universal. Ha collaborato con il cantante indonesiano Daniel Sahuleka, nel 1983, per il singolo Giddyap a gogo e per Adventure (Restless Breed)
Daniel Sahuleka (Semarang, 6 dicembre 1950) è un cantautore indonesiano.

Ha iniziato la sua attività di musicista nel 1977 incidendo il suo singolo d’esordio You Make My World So Colourful, avviando una prolifica carriera incidendo numerosi album e singoli. La canzone è stata estratta dall’album Sobrietas di Ad Visser e ha partecipato al Festivalbar 1983 in Italia. In Italia in quell’anno, dopo anni di anonimato, riesce non solo ad entrare nella top 10, ma per una settimana raggiunge anche la vetta della classifica. Da quel momento in poi però viene distratto dalla carriera televisiva e da quella di produttore, tanto che Visser alla fine si dimentica anche di girare il video di questa canzone che si può annoverare tra le più ballabili degli anni ’80. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.