Venerdì in “VINTAGE” con DJ Angelino

Come primo Venerdì dell’anno 2022 presento tre personaggi che abbiamo ballato tanto nel periodo anni 80 sono gli OFF il secondo parlerò di Bandolero e il terzo il nostro carissimo collega Jovanotti

OFF

Era il lontano 1986 quando Electrica Salsa vide la luce: in contemporanea alla scena statunitense di Detroit e Chicago anche in Europa, a Berlino, prendeva vita un nuovo punto di riferimento della musica elettronica. quando produsse (insieme a Luca Anzilotti e Michael MunzingElectrica Salsa ma non si sarebbe mai aspettato di influenzare in modo così significativo la scena che stava iniziando a nascere davanti ai suoi occhi. Oltre che pioniere della scena elettronica europea,  ha creato un nuovo sottogenere chiamato Balearic-Fusion. Grazie alla continua sperimentazione Sven Vath, unendo le trombe ed i timbali (strumento a percussione cubano) al battito dritto della cassa a 4/4 tipico della techno che ha caratterizzato la scena europea, è riuscito ad ottenere un suono esotico conferendo alla traccia delle influenze latine. l’artista Roman Flugel dinamico ed eclettico che è riuscito a creare un remix del quale Sven Vath ne va molto fiero, non a caso quest’ultimo ha dichiarato tutto il suo entusiasmo per questo particolare rework. Il secondo artista al quale si è affidato Sven Vath è Henrik Schwarz, affermatissimo artista conosciuto soprattutto per i suoi live set, sia da solo che insieme (insieme a Frank Wiedemann utilizzano lo pseudonimo di Schwarzmann), uno dei due Ame.

Bandolero

Usciti dai Guilty Razors, i fratelli Carlos e Josè Perez con Jill Merme-Bourezak danno vita negli anni ’80 a questo gruppo di genere DISCO, chiamato BANDOLERO.
E’ la Virgin francese a dare vita ai BANDOLERO con la prima pubblicazione a 45 giri intitolata Paris Latino (Carlos Perez – Josè Perez)
Nella facciata B) El Bandido Caballero (Josè Perez).
Il disco in Italia viene pubblicato nel 1983, e in breve tempo diventa il disco più venduto.
Conquistano le classifiche dei dischi più venduti in Olanda, Belgio e Svizzera. Dopo una breve apparizione discografica con la CBS negli anni 1984/85 con vendite deludenti ritentano con un altro paio di incisioni in francese con la Flarenash Records, stesso risultato che ne segna la fine.

JOVANOTTI

Nome d’arte del cantautore italiano JOVANOTTI Messosi in luce come disc-jockey, esordì con il singolo Walking (1987). Lo stile scanzonato e ballabile della sua musica gli procurò immediato successo con gli album Jovanotti for president (1988)Giovani Jovanotti (1990); la partecipazione a Sanremo Festival  (1989) e in trasmissioni televisive quali Dee Jay television (1989) e Fantastico (1990) gli diede grande popolarità. Una tribù che balla (1991) segnò una svolta in direzione di un maggior impegno, confermata dai successivi Lorenzo 1992 (1992) e Lorenzo 1994 (1994). Uno stile musicale vicino alla world music caratterizza i lavori successivi: L’albero (1997), nel  (1999)Capo Horn, Il quinto mondo (2002). Pacifismo e ambientalismo sono tematiche portanti dei suoi album: Roma-Collettivo Soleluna (2003), d’impronta spiccatamente latino-americana, e Buon sangue (2005), che conferma la sua maturità artistica e a cui ha fatto seguito ElectroJovaBuon sangue dopato (2006), opera sperimentale contenente i remix delle canzoni di Buon sangue interpretati dai maggiori dj italiani. Nel suo album successivo,Safari (2008), si è avvalso di eccellenti collaborazioni, tra cui quelle diF.Marocco, B. Harper, S. Mendes , mentre ha sperimentato sonorità più strettamente legate alle tendenze contemporanee in Ora (2011); nel 2012 ha pubblicato Backup – Lorenzo 1987-2012, il best con venticinque anni di successi e otto brani inediti, cui nel 2015 ha fatto seguito Lorenzo 2015 cc. J. è autore del testo autobiografico Gratitude, edito nel 2013. Tra i suoi album più recenti si segnalano Oh, vita! (2017) e Lorenzo sulla luna (2019). Nel 2017 il cantautore ha pubblicato il libro Sbam!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.