“The black keys” il blues del mississippi

Delta kream The black keys 
Mentre i Black Keys sono noti per il loro amore per il blues del Mississippi del passato, che portano alla ribalta il loro fascino per i suoni delle radici con il loro progetto di cover del 2021 Delta Kream. Prende il nome dall’iconica foto di William Eggleston che adorna la copertina dell’album, il disco trova il duo di cantante / chitarrista Dan Auerbach e il batterista Patrick Carney che mettono il loro caratteristico timbro garage rock su canzoni di leggende blues del Mississippi come Junior Kimbrough, R.L. Burnside e Mississippi Fred McDowell. Reinterpretare il lavoro di artisti storici del Southern Black è una proposta difficile per la maggior parte delle band, figuriamoci un gruppo di indie rocker bianchi come i Black Keys di Akron, Ohio-bred / Nashville. Per fortuna, mentre è un po’ più sciolto e più low-key rispetto agli sforzi sonicamente ambiziosi del gruppo in studio, Delta Kream percola con un rispetto per il materiale di origine. Registrato senza prove durante una seduta di dieci ore, il set funziona come un seguito spirituale del loro EP tributo del 2006 Chulahoma: The Songs of Junior Kimbrough. Tuttavia, dove quell’uscita li ha trovati alla loro formazione di due persone, qui hanno ampliato il loro approccio, portando con sé il chitarrista Kenny Brown e il bassista Eric Deaton, entrambi associati di lunga data dei Burnside e dei Kimbrough. A bordo ci sono anche il percussionista ausiliario Sam Bacco e il pianista/organista regolare JD McPherson Ray Jacildo. La loro presenza aggiunge un livello di virtuosismo legittimo e imbevuto di whisky al suono dei Black Keys. Come cantante, lo yawp nasalmente midwest di Auerbach è adatto allo stile blues del Mississippi, e insieme a questa rafforzata la linea dei Black Keys evocando il southern rock e blues degli anni ’70 di artisti come gli Allman Brothers e Peter Green. A dare il via all’album è la versione del duo del classico brano “Crawling Kingsnake” di John Lee Hooker e Big Joe Williams. Paludosa, ma vibrante con una qualità psichedelica sognante, la canzone crea perfettamente ciò che verrà. Altrettanto coinvolgente è la loro rivolta con accenti di chitarra in “Poor Boy a Long Way from Home” di Burnside e la loro lettura woozy e meditativa di “Walk with Me” di Kimbrough. Laconico e acidamente strutturato, Delta Kream è un perfetto equilibrio tra lo spavalderia dei Black Keys e per l’orecchio appassionato per le tradizioni blues del Mississippi che lo hanno ispirato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.