JEFF BUCKLEY

Avendo come padre il cantautore di culto Tim Buckley, Jeff Buckley affrontò più aspettative e nozioni preconcette rispetto alla maggior parte dei cantautori. Forse non è stato sorprendente che la musica di Jeff Buckley fosse legata a quella di suo padre solo con i margini più sottili.Il suo audace album di debutto, Grace, lo rese uno degli artisti alternativi più popolari degli anni ’90, accentuato dalla sua morte prematura e tragica nel 1997, e la sua cover di “Hallelujah” di Leonard Cohen ridefinì virtualmente la canzone per un pubblico moderno.Buckley iniziò a suonare mentre era al liceo. Alla fine, si trasferì a Los Angeles per studiare musica e mentre era lì, si esibì con diverse band jazz e funk, oltre a suonare con i Shinehead, un leader nel movimento reggae dancehall. Pochi anni dopo si trasferì a New York, formando Gods & Monsters con il chitarrista sperimentale Gary Lucas. La band divenne famosa, ma la sua durata fu breve. Buckley iniziò una carriera da solista suonando in club e caffetterie, costruendo un notevole seguito. Presto firmò un contratto discografico con la Columbia Records, pubblicando l’EP Live at Sin-e nel novembre del 1993. Ha ricevuto buone recensioni, ma non sono state paragonate al debutto di Buckley, Grace del 1994. A differenza dell’EP, l’album è stato registrato con una band completa, che ha dato il via a delle registrazioni che hanno sorpreso alcuni dei suoi seguaci di lunga data di New York. Tuttavia, ha fatto diverse uscite prima della fine dell’anno: “Best of 1994” e “Last Goodbye”, nella primavera del 1995.Seguì una lunga pausa mentre Buckley lavorava su materiale per il suo lavoro provvisoriamente intitolato My Sweetheart the Drunk. Originariamente previsto per essere prodotto da Tom Verlaine, che in seguito abbandonò il progetto, Buckley iniziò finalmente a lavorare al disco a Memphis durante la tarda primavera del 1997. La notte del 29 maggio, lui e un amico si recarono al locale mud island harbor, dove Buckley decise spontaneamente di andare a nuotare nel fiume Mississippi e si tuffò in acqua completamente vestito. Pochi minuti dopo, scomparve sotto le onde; le autorità furono rapidamente contattate, ma inutilmente – il 4 giugno, il suo corpo fu finalmente trovato galleggiare vicino alla famosa zona di Beale Street della città. Buckley aveva 30 anni. Una raccolta di registrazioni inedite, Sketches for My Sweetheart the Drunk, apparve nel 1998 e due album dal vivo arrivarono tra il 2000 e il 2001, Mystery White Boy e Live a l’Olympia. Nel decennio e mezzo successivo, apparvero altri dischi postumi – la compilation So Real: Songs from Jeff Buckley nel 2007, l’album live Grace Around the World nel 2009 – ma il più grande successo fu You and I del 2016, che presentava le versioni delle copertine che il cantautore aveva registrato all’inizio della sua carriera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.