Jeff bridges

Quell’album presentava un’amalgama di canzoni soul pop, rock, country e persino dagli occhi azzurri scritte o co-scritte dall’artista; è stato coprodotto da Bridges con Chris Pelonis e Michael McDonald (che ha anche suonato alcune chiavi nella sessione). Ha anche visto la partecipazione di Bryan Ferry e David Crosby. È stato pubblicato dalla Ramp Records indipendente e rapidamente svanito dalla vista dopo recensioni contrastanti – per lo più (e ingiustamente) a causa dei suoi standard di produzione. Come Bad Blake, Bridges cantò in Crazy Heart e apparve in altre selezioni nella sua colonna sonora (alcune delle quali erano auto-scritture). Il set è stato prodotto dall’amico di lunga data T-Bone Burnett. Poco dopo, Bridges firmò un contratto con la Blue Note Records, e si riunì a Burnett e alla scuderia di assi dello studio del produttore. L’album risultante da queste sessioni, semplicemente intitolato Jeff Bridges, è stato pubblicato nell’estate del 2011. Bridges ha fatto sempre più spettacoli e tour con la sua band The Abiders (dal nome del suo ruolo di Dude Who Abides nell’iconico film cult del 1998 The Big Lebowski), che includeva Bridges (voce, chitarra, tastiere), Chris Pelonis (chitarra, tastiere, voce), Bill Flores (pedal steel, chitarra), Randy Tico (verticale, basso elettrico) e Tom Lackner (batteria, percussioni). Billed come Jeff Bridges & the Abiders, ha fatto dei concerti estivi al Red Rock Casino di Las Vegas nel 2014, tutti registrati e portati sull’album live di 14 tracce, prodotto da Pelonis più tardi nello stesso anno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.