“Il Mio VINILE”-Charlie Musselwhite

La leggenda della musica Charlie Musselwhite , nato nel Mississippi, cresciuto a Memphis e vincitrice di un Grammy Award, non si limita a cantare e suonare il blues; è, in tutti i sensi, un bluesman. Crescendo, non solo ha imparato la musica in prima persona da molti degli artisti più influenti del genere, ma ha anche assorbito lo stile di vita. “È un atteggiamento”, dice Musselwhite parlando del blues. “Un modo di vivere la vita”. Nel corso dei suoi sei decenni di carriera, Musselwhite ha pubblicato quasi 40 album. È famoso in tutto il mondo come un maestro armonicista, un cantante esperto e che dice la verità e un cantautore originale radicato nel profondo della tradizione blues. Come molti dei suoi fan sanno, è anche un chitarrista country blues di grande profondità, calore e finezza.

Sulla sua nuova uscita Alligator Records,, Musselwhite, oltre a suonare la sua famosa armonica, presenta il suo lavoro con la chitarra durante l’intero album. In ciascuna delle 14 canzoni di Mississippi Son , tra cui otto originali potenti e crudi, la voce dritta dall’anima di Musselwhite e il suono melodico dell’armonica blues sono la perfetta contraltare al suo lavoro di chitarra ingannevolmente semplice e ipnotico. Dopo essere tornato di recente in Mississippi dalla California settentrionale, Musselwhite ha registrato le esibizioni spogliate, inquietanti ed emotivamente crude a Clarksdale, nel cuore del Delta. Dall’autobiografico di apertura Blues Up The River, alla sua lettura lamentosa di Pea Vine Blues di Charley Patton, al suo strumentale Thinking Of Big Joe .(su cui Musselwhite suona la chitarra del suo amico Big Joe Williams), ogni canzone riecheggia le radici del Mississippi di Musselwhite e riflette la sua personale visione del mondo che lo circonda.

 

Che stia reinventando The Stanley Brothers ( Rank Strangers ) o creando una canzone basata su una visione ( When The Frisco Left The Shed ) o personalizzando Hobo Blues di John Lee Hooker, la sua voce onesta e piena di sentimento, come il suo modo di suonare l’armonica in ogni nota e l’idiosincratico lavoro di chitarra, traboccano di autenticità guadagnata duramente e di un’intensità emotiva duratura. Musselwhite chiama il suo blues “musica spirituale secolare”, un suono che ha perfezionato da quando, da adolescente, ha suonato il suo primo accordo di E7 con la sua chitarra acustica Supertone. Dopo aver ascoltato e sentito la nota blu dell’accordo, il futuro maestro di blues ha pensato: “Devo averne di più  .

La storia della vita di Charlie Musselwhite si legge come una classica canzone blues: nato nel Mississippi, cresciuto a Memphis e formatosi nel South Side di Chicago. Artista rivoluzionario dagli anni ’60, Musselwhite non ha mai smesso di creare musica pionieristica pur rimanendo saldamente radicato nel blues.

È nato in una famiglia di colletti blu a Kosciusko, Mississippi, il 31 gennaio 1944, e cresciuto da una madre single che si è trasferita con la famiglia a Memphis quando era bambino. Musselwhite è cresciuto circondato da blues, hillbilly e musica gospel che ascoltava alla radio e vedeva essere suonato dai musicisti del quartiere. Da adolescente, ha lavorato come scavatore di fossati, posatore di cemento e corridore di chiaro di luna. Affascinato dal blues, Musselwhite iniziò a suonare la chitarra e l’armonica. Incrociò molti dei musicisti locali, tra cui Elvis Presley,

Seguendo il percorso di tanti, Musselwhite si trasferì a Chicago, non per dedicarsi alla musica ma semplicemente alla ricerca di un lavoro meglio retribuito. Mentre guidava il camion di un disinfestatore come lavoro diurno, di notte si ritrovava nei blues club del South Side della città. Fece amicizia con il gigante dell’armonica blues Big Walter Horton e divenne particolarmente vicino al venerato bluesman country Big Joe Williams. 

Per un certo periodo, ha condiviso un appartamento con il famoso irascibile Williams e occasionalmente si è esibito con lui (e ha registrato con lui per la Arhoolie Records nel 1969). Vagava spesso per le strade con Big Walter e si unì a lui in studio nel 1965 per l’acclamato Chicago/The Blues/Today!serie. I suoi altri amici includevano le icone del blues Little Walter, Sonny Boy Williamson e Howlin’ Wolf. Musselwhite ha assorbito lick, testi e lezioni di vita in ogni occasione. In poco tempo, è stato seduto nei club con Muddy Waters, Magic Sam, Earl Hooker, Jimmy Reed e altri, costruendo un’impressionante reputazione di passaparola locale.

Dopo l’uscita del suo primo LP su Vanguard nel 1967 — Stand Back! Ecco che arriva la South Side Blues Band di Charley Musselwhite: è stato abbracciato da avventurosi fan del rock ‘n’ roll. Stai indietro!e i suoi dischi successivi hanno trovato un posto nelle stazioni radio FM di rock progressivo emergenti, in particolare nella fiorente scena della controcultura della costa occidentale. Stabilite le sue credenziali, si trasferì a San Francisco alla fine degli anni ’60, suonando spesso nel leggendario Fillmore Auditorium e in altri luoghi famosi. Nel corso degli anni, Charlie ha pubblicato quasi 40 album su una varietà di etichette, le sue registrazioni esplorative includevano blues diretto ma spesso mescolando elementi di jazz, gospel, tex-mex, cubano e altre musiche del mondo. Quattro di questi album – Ace Of Harps del 1990, Signature del 1991 , In My Time del 1994 e The Well del 2010 – sono stati pubblicati su Alligator Records e rimangono tra i suoi titoli più venduti.

Nel 2020, Musselwhite si è unito al suo amico Elvin Bishop e ha pubblicato 100 Years Of Blues su Alligator , nominato ai Grammy e vincitore del Blues Music Award . L’album ha debuttato al numero 1 della Billboard Blues Chart. DownBeat lo ha nominato il miglior album blues dell’anno. È stato nominato il 3° miglior album blues del 2021 dalla rivista britannica MOJO , che ha dichiarato: “Questi sono squisiti duetti armonica-chitarra come Muddy Waters e Little Walter, o Johnny Shines e Big Walter Horton… maturi, magistrali, senza fine gratificante.”

Oltre ai suoi album, Musselwhite è apparso in registrazioni di Tom Waits, Eddie Vedder, Ben Harper, John Lee Hooker, Bonnie Raitt, The Blind Boys of Alabama, INXS, Cyndi Lauper e molti altri. È stato inserito nella Blues Hall Of Fame della Blues Foundation nel 2010, è stato nominato per dodici Grammy Awards (vincendone uno) e ha vinto numerosi Living Blues Awards e Blues Music Awards. Il Chicago Tribune dice che la sua musica è “fantasiosa e sbalorditiva… assolutamente convincente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.