“Il meglio Dì”-Marcin Wasilewski Trio

Il trio è una delle stelle più brillanti della scena jazz polacca, riconosciuta per il loro talento unico nel fondere la tradizione con il suono contemporaneo. Il Marcin Wasilewski Trio è composto da Marcin Wasilewski (nato nel 1975) al pianoforte, Sławomir Kurkiewicz (nato nel 1975) al basso e Michał Miśkiewicz (nato nel 1977) che suona le percussioni. La band combina la grande tradizione dell’impegnativo principio del trio con pianoforte e crea così il proprio suono distinto. È anche una delle band in via di sviluppo più consistente della scena musicale polacca e molto aperta all’ispirazione dall’ambiente circostante. Il Marcin Wasilewski Trio è considerato una delle formazioni jazz più acclamate e uniche della sua generazione e ha ottenuto riconoscimenti nella nativa Polonia e all’estero.Nel 2013, la band ha celebrato 20 anni di suonare in una squadra incrollabile. Ma la sua vera storia va ancora più indietro, all’anno 1990. Fu allora che il Simple Acoustic Trio fu fondato da un gruppo di studenti di un liceo musicale di Koszalin. La loro esibizione di debutto sarebbe arrivata un anno dopo e la band iniziò rapidamente a raccogliere premi in tutta la Polonia. Nel 1993, il giovane percussionista Michał Miśkiewicz (figlio del famoso sassofonista polacco Henryk Miśkiewicz) si è unito al Simple Acoustic Trio e da allora il gruppo suona insieme senza alcun disturbo personale.

Il loro primo vero disco Komeda è uscito nel 1995, pubblicato dall’etichetta Gowi Records di Cracovia. È diventato uno dei debutti più commentati dell’anno. Un omaggio all’opera di Krzysztof Komeda , consisteva interamente nelle sue composizioni. Sia la critica che il pubblico non hanno mancato di ascoltare nelle registrazioni molto più che semplici interpretazioni di brani storici del jazz polacco. Le recensioni hanno salutato il trio come una continuazione creativa di questa storia e uno degli atti più promettenti della scena jazz polacca.

La loro musica suscitò presto la curiosità di Tomasz Stańko , il leggendario trombettista polacco. Alla fine degli anni ’90, Stańko era alla ricerca di una nuova squadra di quartetti, che gli avrebbe permesso di perseguire il tipo di lavoro che ha svolto con Bobo Stenson, Anders Jormin e Tony Oxley. L’incontro con Tomasz Stańko si è rivelato una svolta nella carriera del trio. Si dice che Stańko abbia detto che: In tutta la storia del jazz polacco non c’è stato un gruppo come questo. La prolifica storia del jazz polacco può sembrare inaccessibile agli stranieri: tanti personaggi, tanti musicisti e vari flussi di musica jazz. Se vuoi iniziare con il jazz polacco e scoprire la storia di Komeda, Stańko o Seifert, prova la Guida per stranieri al jazz polacco di Culture. La collaborazione con Tomasz Stańko è stata ufficialmente avviata tra il 1999 e il 2000 ed è stata preceduta da occasionali collaborazioni concertistiche tra Stańko e Wasilewski. Il Simple Acoustic Trio aveva ottenuto un mentore in Stańko e aveva collaborato con lui come band di lavoro. Questa collaborazione portò presto alla registrazione con una delle etichette più importanti del mondo, la ECM con sede a Monaco. Insieme a Stańko hanno registrato tre album con la ECM: Soul of Things (2002), Suspended Night (2004) e Lontano (2006). Hanno anche fatto tre tournée di concerti negli Stati Uniti, esibendosi in alcuni dei migliori palchi jazz d’America: Blues Alley a Washington, Merkin Hall e Birdland a New York. Stańko e il trio hanno suonato anche al San Francisco Jazz Festival e all’Earshot Jazz Festival di Seattle.
Sebbene i musicisti fossero molto attivamente impegnati nel fare musica insieme e la loro carriera stesse prendendo velocità, il nome vero e proprio Simple Acoustic Trio era sempre meno sentito. L’ultimo album che hanno registrato con il vecchio nome è stato Habanera , pubblicato dall’etichetta Not Two Records a Cracovia nel maggio 2000.

I musicisti sarebbero tornati sul palco come trio indipendente cinque anni dopo, ed è stato uno splendido inizio. L’album Trio è stato registrato ancora una volta da ECM e dopo la sua uscita nel 2005, sono seguiti altri quattro album: January (2008), Faithfull (2011), Spark Of Life (2014) e Live (2018), tutti anch’essi rilasciato da ECM. Faithfull ha ottenuto un doppio disco di platino ed è stato un enorme successo artistico.

Fin dai suoi inizi, il gruppo ha costruito la sua posizione con numerosi premi, tra cui i numerosi Fryderyk Awards dell’Accademia di musica polacca. Nel 2010, il Marcin Wasilewski Trio ha anche vinto il sondaggio annuale dei lettori della rivista Jazz Forum per la migliore formazione acustica in Polonia, ottenendo quasi il doppio dei voti del quintetto Tomasz Stańko.

Nel corso dei 20 anni di attività sulla scena musicale, il Marcin Wasilewski Trio ha collaborato con numerosi musicisti di fama internazionale sia individualmente che come band. Si sono esibiti con Tomasz Szukalski, Piotr Wojtasik , Michał Urbaniak , Janusz Muniake Henryk Miśkiewicz, e ha anche partecipato a progetti internazionali con star della scena jazz internazionale, come: Dino Saluzzi, Palle Danielson, Jon Christensen, Arild Andersen, Bernt Rosengren, John Surman, Bobo Stenson, Manu Katche, Gianluigi Trovesi, Jan Garbarek , Arthur Blythe e Joe Lovano. Il frontman Marcin Wasilewski – pianista riconosciuto non solo dagli appassionati di jazz – è stato votato ‘astro nascente’ del pianismo jazz da rinomati esperti e critici jazz nel sondaggio della prestigiosa rivista americana di jazz Down Beatnel 2005, mentre in Polonia è quattro volte vincitore del premio Fryderyk per Jazz Musician of the Year (2005, 2009, 2012, 2015), e della statuetta Fryderyk per Jazz Album of the Year insieme al suo trio (2001, 2005, 2009, 2015). Questo rende Marcin Wasilewski il musicista jazz più premiato in Polonia dopo Tomasz Stańko . Come ha scritto Dionizy Piątkowski su di loro sul portale Era Jazzu: Il Marcin Wasilewski Trio è la più importante band di jazz acustico in Europa oggi, capace di prestazioni eccezionali sia in collaborazione con solisti e altre band, sia come trio acustico standard, senza soccombere alle mode e agli umori passeggeri. Marcin Wasilewski è un virtuoso con una tecnica impeccabile e sottile, un compositore che punta ben oltre il solito schema jazz. Il batterista Michał Miśkiewicz è un mago della sincope che pulsa di associazioni ritmiche ed emozioni. Il bassista Sławomir Kurkiewicz crea sottilmente l’atmosfera con ogni nota, creando pathos con suoni accuratamente selezionati. Il Marcin Wasilewski Trio è un modello per il jazz e la musica contemporanei che già sfida questo tipo di classificazione precisa. Il modello che forniscono può essere eguagliato solo dai migliori.

Il 7 ottobre 2014 i Marcin Wasilewski Trio hanno pubblicato il loro ottavo album intitolato Spark Of Life (ECM Records). L’album presenta il tenore svedese Joakim Milder, che ha anche partecipato al tour autunnale dei musicisti polacchi, percorrendo decine di migliaia di chilometri e suonando 16 concerti, durante i quali la loro musica è stata accolta con entusiasmo da più di 7000 fan in Polonia e Germania, e ai festival internazionali di Buenos Aires, Córdoba (Argentina) e Santiago del Cile (Cile).

Il bassista Sławomir Kurkiewicz

Alla fine di novembre 2014, appena sei settimane dopo la sua uscita, l’album è stato certificato disco d’oro in Polonia, e ha ricevuto valutazioni molto alte grazie ai voti dei lettori nel sondaggio annuale Jazz Top della rivista Jazz Forum , guadagnandosi il titolo di Album of the Year 2014 e Acoustic Band of the Year 2014. I Fryderyk Awards nel 2015 sono stati il ​​culmine di una serie di successi. Marcin Wasilewski ha ricevuto il Fryderyk Award come artista jazz dell’anno e Spark Of Life ha vinto il miglior album jazz dell’anno, insieme a Sławomir Kurkiewicz, Michał Miśkiewicz e il produttore discografico Manfred Eicher della ECM Records. Il prossimo album del trio è stato pubblicato tre anni dopo, a settembre 2018. Live è il primo album di concerti della band e il quinto album pubblicato dalla ECM Records. È stato registrato al Middleheim Jazz Festival 2016 ad Anversa. Entro la fine di settembre, era salito al 15 ° posto nella Billboard Jazz Album Chart, diventando il quarto album del trio a classificarsi in questa prestigiosa lista.L’anno 2019 ha segnato il 25° anniversario del Marcin Wasilewski Trio. Per l’occasione, la band ha intrapreso un intenso tour, esibendosi, tra gli altri, in Giappone, Corea del Sud, Regno Unito, Germania, Belgio, Norvegia e Polonia.

Il Pianista Marcin Wasilewski

All’inizio dell’estate 2020 è uscito il quinto album dei Marcin Wasilewski Trio. Arctic Riff è stato registrato nello studio La Buissonne a Pernes-les-Fontaines nel sud della Francia e prodotto da Manfred Eicher. Wasilewski, Kurkiewicz e Miśkiewicz sono stati raggiunti dal sassofonista tenore americano Joe Lovano. L’album consisteva in undici composizioni, di cui quattro di Wasilewski, una di Lovano e due versioni di Vashkar di Carla Bley .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.