Energizing, l’EP strumentale di Federico Torzoni

Oggi a ZeroPuntoZeroMHz, prosegue l’appuntamento fisso della domenica mattina con Mr. Jack e con il team di musicisti di Wanikiya Record.

Oggi conosceremo un chitarrista hard rock che ha scelto di produrre solamente brani musicali, si, in questo caso non è necessario avere un testo dove esprimere a parole i propri sentimenti o le proprie opinioni.

In questo caso è la sua chitarra che si esprime in modo diretto, è lei che traduce lo stato d’animo e i messaggi che Federico Torzoni vuole trasmetterci.

Stupisce questo progetto strumentale per il quale ci si aspetterebbe dei pezzo super tecnici, mentre invece punta tutto sulla ricerca e sulle ambientazioni, in pratica è un progetto un po’ particolare della storia della genere rock , giusto uno di quelli adatti per prendere fiat, per poi ributtarsi subito sui riff muscolosi. Riff che vengono fuori in diverse tracce ,momenti che creano goduria tra gli amanti dell’hard’n’heavy. La produzione è buona e fa uscir fuori il contributo delle singole tracce.

Ciò non toglie che nel complesso ci sia comunque uniformità ed è data da quella sottile strisciante malinconia che è il filo rosso dell’album. Malinconia nelle note dei brani, nelle ritmiche, nelle melodie. Ma si intravede anche un’energia sotterranea, pronta ad emergere e a dare forza e propositività. Un bel lavoro di introspezione in musica, sospeso tra riflessioni agrodolci e voglia di reagire alle difficoltà della vita.

Federico Torzoni, influenzato dalle più disparate correnti
musicali, decide di dar vita ad un progetto musicale dal
sound variegato, derivante dagli ascolti che lo hanno
accompagnato negli anni, fondendo generi diversi e non
rimanendo entro schemi prestabiliti, strizzando l’occhio ad
andamenti alle volte quasi dance, dando risalto a ritornelli
molto melodici.

Energizing, suo nuovo lavoro, vuole trasmettere secondo il proprio
modo di esprimersi musicalmente un messaggio di speranza, fiducia,
positività ed energia vitale da spendere per raggiungerla.
Si tratta di un EP strumentale che vuole però dare un messaggio
univoco, di non resa per raggiungere i propri sogni.

Flee Away
“La ricerca di evasione dalla frenesia e dalla monotonia quotidiana, una fuga da questa forma di alienazione che ci permette
finalmente di trovare la propria via per poter liberare se stessi”

Resistance Ways
“Quando nel momento più difficile si trova la forza di reagire ad eventi esterni non controllabili ed avversi, con l’aiuto della
musica, che ci aiuta a trovare la via per tornare a quella normalità che ci caratterizzava e che ci deve caratterizzare”

Time Leaping
“Saltare nel tempo, tuffandosi nel passato od inoltrandoci nel futuro, per non perdere la cognizione del presente e di chi
siamo, da dove proveniamo e verso dove siamo proiettati, col bene e col male che fanno parte del quotidiano vivere”

EnjoyTheLight
“Godersi la luce, quel fondo del tunnel che non è poi così lontano; basta uscire da quel senso di ristrettezza in cui spesso ci
sentiamo imprigionati, liberando la mente, per poter finalmente prendere il volo trovata la via di fuga!

Walking in a Dream
“Quando i sogni si mischiano alla realtà, quando vivere è anche sognare, quando poter percorrere i tuoi sogni ti permette di
vivere la vita che meglio ti contraddistingue e rispecchia quanto sei”

Contatti

Facebook

Instagram

YouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.