David Bowie “Space Oddity”

Il primo singolo di successo di David Bowie, nell’autunno 1969, è stato a lungo associato al primo atterraggio sulla luna dell’Apollo, con il quale la sua uscita ha coinciso. In effetti, è difficile pensare a una canzone meno appropriata a una tale impresa, poiché il maggiore Tom spegne tutte le comunicazioni con la terra e si prepara a passare l’eternità a galleggiare nella sua capsula. Tuttavia, la BBC impiegò la canzone come sigla musicale per la sua copertura dell’evento e Bowie si trovò rapidamente con un colpo da maestro, alla top five nel Regno Unito – anche se uno che gli ci sarebbero volti tre anni per ripetersi.”Space Oddity” è stato originariamente scritto e registrato per un film promozionale di 30 minuti che evidenzia Bowie come cantautore, performer e artista a tutto tondo nel 1968 – discutendone le origini, Bowie ha accreditato sia a 2001 di Stanley Kubrick che “uno stupido flirt con lo schiaffo”, ed entrambe le influenze sono state osservate da studenti attenti. Questa registrazione originale della canzone rimase inedita fino a quando il 1984 portò all’uscita della colonna sonora di Love You Till Tuesday.Bowie arrivò alla canzone nel 1969, registrandola con il produttore Gus Dudgeon dopo che la sua prima scelta, Tony Visconti, la rifiutò.Il successo nel Regno Unito di “Space Oddity” lo vide anche registrare due versioni in lingua straniera, “ragazzo solitario, ragazza solitaria”, per il mercato italiano (il titolo si traduce, stranamente, come “Lonely Boy, Lonely girl”), e il più appropriato, ma orribile, “Un Homme a Disparu Dans le Ciel” – “un uomo è scomparso nel cielo”. Le versioni in lingua inglese furono pubblicate in altre parti del mondo, con vari gradi di successo, mentre le riemissioni negli Stati Uniti nel 1972 e in Gran Bretagna nel 1975 portarono ulteriori onori di classifica. In effetti, quest’ultima ripubblicazione diede a Bowie il suo primo chart-topper.”Space Oddity” rimane una delle canzoni più popolari dell’intero curriculum di Bowie. Sempre presente nel suo live show negli anni ’70 e ’80 (un certo numero di versioni live sono disponibili sia su disco che su video), ha ri-registrato la canzone per un lato B nel 1980 (le cifre della performance tra le tracce bonus della ristampa di Rykodisc dell’album Scary Monsters), prima di pubblicare un sequel, “Ashes to Ashes”, più avanti nel corso dell’anno. Fittingly, divenne il suo secondo numero uno nel Regno Unito. Una terza parte della storia, “Major Tom (Coming Home) di Peter Schilling, apparve senza alcun coinvolgimento di Bowie nel 1984, ma rimane una delle preferite da molti fan – la band punk tedesca Raubertochter pubblicò una grande cover di quella canzone nel 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.