“Che cosa hai intenzione di fare?”

Hey Joe: Opus Red Meat.      Otis Taylor

Come Dylan, la voce di Otis Taylor non è mai stata sentimentale,, anche se è grintosa, bassa e roca, come potrebbe essere quella di qualcuno che ha appena trascorso otto ore a cavalcare le strade secondarie. Sempre come un uomo che si prende il suo tempo, forse meditando un po ‘troppo, c’è una stabilità per Otis Taylor, che mostra sia nel suo modo di suonare che nella sua voce … dove lui e la sua chitarra non sono solo indistinguibili, ma inseparabili, senza che nessuno dei due sia qualificato per esistere senza l’altro. E perché dovrebbe essere in un altro modo? Taylor è stato girovago da sempre, era un giovane negli anni ’70 quando ha rinunciato alla musica per circondare la sua vita con oggetti d’antiquariato, l’acquisto e la vendita della vita degli altri, i loro tesori e sogni, dove attraverso tutta quella polvere e legno consumato, è stato investito dalla visione e dal senso di uno sciamano di ciò che è importante.

C’è sempre stato un sottofondo e un tema degli album di Taylor e non fa eccezione qui sul suo Hey Joe Opus.

Con la canzone resa famosa da Jimi Hendrix e scritta anni prima da Billy Roberts, l’Hey Joe Opus suona e si presenta molto simile alla colonna sonora di Neil Young di “Deadman”, dove Taylor visita e rivisita “Hey Joe” due volte, “Sunday Morning” tre volte e filtra il resto delle tracce attraverso un ricamo emotivo che questi due pezzi creano. C’è un’essenza di vecchi incontri nuovi, un’atmosfera da sogno senza mondo che riaccende l’estetica psichedelica di un ricordo all’interno di un sogno, riportando “Hey Joe” a tutto ritmo, permettendogli di suonare ancora più fresco e vitale.

Noto per le sue intossicazioni visionarie più oscure, Hey Joe Opus è ancora più scuro delle sue precedenti uscite, portando il blues a un nuovo livello di saturazione così denso che si è a malapena consapevole che stiamo ascoltando canzoni ripetute più e più volte con toni ed equilibri leggermente diversi. Con tutto questo creare una metafora interrogativa vita … che è: “Che cosa hai intenzione di fare?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.