Biz Markie

L’inclinazione di Biz Markie verso l’umorismo giovanile e la sua passione per i cori sciocchi, stonati e semi-cantati mimetizzarono il suo vero talento freestyle. Biz potrebbe non essere stato in grado di tradurre i suoi talenti selvaggi in chiave rimata, ma ciò che ha fatto registrare è valsa la pena a modo suo. Con il suo umorismo sciocco e le sue produzioni inventive e cariche di campioni, dimostrò che l’hip-hop poteva essere divertente e melodico, senza sacrificare la sua credibilità di strada. Il suo stile distintivo ha trasformato il suo secondo album, The Biz Never Sleeps, un successo d’oro e il suo singolo, “Just a Friend”, in un singolo pop top ten. Mentre il suo successo rese Markie una semistar – fu soprannominato “il Clown Prince of Hip-Hop” – lo maledisse anche. Non solo fu consegnato come un atto di novità, ma portò abbastanza attenzione che Gilbert O’Sullivan lo fece causa per il campione non autorizzato di “Alone Again (Naturally)” nell’album di Biz del 1991 I Need a Haircut. La causa tagliò gravemente alla carriera di Markie, e all samples cleared del 1993! è stato l’ultimo disco che ha pubblicato negli anni ’90. Tuttavia, la sua reputazione fu in qualche modo ripristinata a metà degli anni ’90 quando i Beastie Boys lo difenderono e altri gruppi rap alternativi mostrarono un certo debito con la sua musica selvaggia.Originario di New York, Biz (nato Marcel Hall) è uscito alla ribalta per la prima volta nei primi anni ’80, quando ha iniziato a rappare nei locali notturni di Manhattan come la Funhouse e il Roxy. Biz incontrò il produttore Marley Marl nel 1985, e iniziò a lavorare come beatbox umano per gli artisti connessi alla Marl MC Shan e, più tardi, Roxanne Shanté. Registrò anche il suo primo demo, e nel 1988 firmò un contratto con i Cold Chillin’. Più tardi nello stesso anno, pubblicò il suo debutto, Goin’ Off, che divenne un successo a parole basato sui singoli underground “Vapors”, “Pickin’ Boogers” e “Make the Music With Your Mouth, Biz”. Un anno dopo, entrò nel mainstream quando “Just a Friend”, un singolo con versi rappare e cori fuori mente cantò, raggiunse la Top Ten pop, e il suo album di accompagnamento, The Biz Never Sleeps, divenne disco d’oro.I Biz Never Sleeps lo misero vicino alla cima del mondo hip-hop, ma cadde dalla grazia il più rapidamente possibile. Il terzo album di Biz, I Need a Haircut, si stava già preparando per essere una notevole delusione di vendita quando gli fu notificata una causa legale da Gilbert O’Sullivan, che affermò che “Alone Again” dell’album presentava un campione non autorizzato del suo successo “Alone Again (Naturally)”. O’Sullivan vinse il caso con una sentenza che cambiò drasticamente le regole dell’hip-hop. Secondo la sentenza, la Warner Bros., la casa madre dei Cold Chillin’, dovette ritirare I Need a Haircut dalla circolazione, e tutte le compagnie dovettero cancellare completamente i campioni prima di pubblicare un disco hip-hop. Biz contrastò con il suo album del 1993, All Samples Cleared!, ma la sua carriera era già stata ferita dalla causa, e il disco scoppiò.Per il resto del decennio, ha mantenuto un basso profilo, occasionalmente ospite nei dischi dei Beastie Boys e girando uno spot televisivo freestyle per MTV2 nel 1996. L’alleanza con i Beasties alzò notevolmente il suo profilo, ma Biz iniziò la carriera dj invece di continuare a registrare. Infine, nel 2003, ha pubblicato Weekend Warrior per Tommy Boy, anche se è stata la sua apparizione (e la sua vittoria) nel 2005 al Celebrity Fit Club di VH1 che gli ha portato più attenzione del disco stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.