Artisti Internazionali

Bud Powell Uno dei giganti del pianoforte jazz, Bud Powell cambiò il modo in cui tutti i pianisti post-swing suonavano i loro strumenti. Ha messo da parte la mano sinistra, che era stata considerata essenziale e l’ha usata per creare accordi su base irregolare. Ia sua mano destra suonava spesso veloci linee a nota singola, trasformando essenzialmente il vocabolario di Charlie Parker al pianoforte (anche se si sviluppò parallelamente a “Bird”).Sfortunatamente, Bud Powell era un genio gravemente malato. Dopo essere stato incoraggiato e istruito in una certa misura dal suo amico Thelonious Monk durante le jam session nei primi anni ’40, Powell prese parte con l’orchestra di Cootie Williams tra il 1943 e il 1945. In un incidente razziale, è stato picchiato alla testa dalla polizia; Powell non si riprese mai completamente e soffrí di mal di testa e problemi mentali per tutto il resto della sua vita. Nonostante ciò, registrò alcune vere gemme tra il 1947 e il 1951 per Roost, Blue Note e Verve, componendo opere importanti come “Dance of the Infidels”, “Allucinations” (noto anche come “Budo”), “Un Poco Loco”, “Bouncing with Bud” e “Tempus Fugit”. Anche all’inizio, il suo comportamento irregolare ha portato a opportunità perse (Charlie Parker avrebbe detto a Miles Davis che non avrebbe assunto Powell perché “è ancora più pazzo di me!”).Un grave problema nel 1951 e un ricovero in ospedale che portò a trattamenti elettroshock, lo indebolirono notevolmente, ma Powell era ancora in grado di suonare al suo meglio di tanto in tanto, in particolare al Massey Hall Concert del 1953. Generalmente negli anni ’50 le sue Blue Notes lo trovano in ottima forma, mentre lui era molto più irregolare nelle sue registrazioni verve. La sua calorosa accoglienza e il lungo soggiorno a Parigi (1959-1964) prolungarono un po ‘ la sua vita, ma anche qui Powell trascorse parte del 1962-1963 in ospedale. Tornò a New York nel 1964, scomparve dopo alcuni concerti e morì nel 1966.Negli anni successivi, le registrazioni e le esibizioni di Bud Powell potevano essere così intense da essere spaventose, ma altre volte sembrava piuttosto triste. Tuttavia, la sua influenza sul jazz (in particolare fino all’ascesa di McCoy Tyner e Bill Evans negli anni ’60) fu molto forte e rimane uno dei più grandi pianisti jazz di tutti i tempi.

Edit By Alex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.